Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconvaticano notizie
line break icon

Francesco prepara la visita ad Assisi “Più che mai abbiamo bisogno di pace”

Vatican Insider - pubblicato il 19/09/16

«Qualcuno si comporta con la corruzione come con le droghe, pensa di poter smettere quando vuole», ma finisce per diventarne totalmente dipendente. Lo ha detto Francesco all’Angelus, commentando la parabola evangelica dell’amministratore corrotto e spiegando che «a tale astuzia mondana» bisogna «rispondere con l’astuzia cristiana». Si tratta cioè di allontanarsi «dallo spirito e dai valori del mondo, che tanto piacciono al demonio, per vivere secondo il Vangelo». La mondanità, ha spiegato, «si manifesta con atteggiamenti di corruzione, di inganno, di sopraffazione, e costituisce la strada più sbagliata, la strada del peccato». Il percorso della vita, ha aggiunto Francesco, comporta «una scelta tra onestà e disonestà, tra fedeltà e infedeltà, tra egoismo e altruismo, tra bene e male. Non si può oscillare tra l’una e l’altra».

Il Papa, a braccio, ha quindi proposto il paragone tra la corruzione e la tossicodipendenza: «Qualcuno si comporta con la corruzione come con le droghe: pensa di poterla usare e smettere quando vuole. Si comincia da poco: una mancia di qua, una tangente di là… E tra questa e quella lentamente si perde la propria libertà. Anche la corruzione produce assuefazione, e genera povertà, sfruttamento, sofferenza. E quante vittime ci sono oggi nel mondo! Quante vittime di questa diffusa corruzione».  

Francesco ha poi annunciato che domani si recherà ad Assisi, per l’incontro di preghiera per la pace inaugurato ieri pomeriggio alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha commentato: «Il dialogo tra le religioni, tra credenti e non credenti, il dialogo della cultura, può molto, più di quanto sembri». 

Organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio a trent’anni da quello storico convocato da san Giovanni Paolo II nel 1986, vi partecipano centinaia di rappresentanti delle diverse religioni del mondo. Bergoglio ha invitato «le parrocchie, le associazioni ecclesiali e i singoli fedeli di tutto il mondo a vivere quel giorno come una giornata di preghiera per la pace», perché, ha spiegato, «oggi più che mai abbiamo bisogno di pace in questa guerra che è dappertutto nel mondo». Così martedì, «tutti uniti in preghiera: ognuno si prenda un tempo, quello che può, per pregare per la pace. Tutto il mondo unito». 

Francesco aveva sospeso le visite in Italia durante il Giubileo, ma qualche settimana fa ha annunciato la sua presenza ad Assisi. Non soltanto per commemorare quel gesto di Wojtyla, ma per sottolineare quanto urgente sia oggi, per i credenti di tutte le religioni, dialogare e togliere qualsiasi giustificazione religiosa all’abuso del nome di Dio invocato da chi commette atti di terrorismo, violenze, persecuzioni. 

In Vaticano si tende a non dare troppo peso alle felpe «scismatiche» del leader leghista Matteo Salvini che riconosce come Papa Benedetto XVI. Papa Ratzinger, come farà poi Francesco, nel 2006 aveva pregato in silenzio nella Moschea Blu di Istanbul insieme al Gran Mufti. E nel 2011 era venuto ad Assisi per celebrare il 25° anniversario di quel primo incontro interreligioso profeticamente convocato dal suo predecessore.  

Questo articolo è stato pubblicato nell’edizione odierna del quotidiano La Stampa

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni