Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

5 divertenti feste cattoliche da celebrare con i figli

Condividi

Perché non introdurle nelle vostre tradizioni di famiglia?

Crescendo in una famiglia cattolica, abbiamo sempre celebrato le feste “maggiori”: Natale, Pasqua, San Patrizio e le feste di precetto. E le festività minori? Neanche a parlarne, sobrietà assoluta.

Da genitore, per i miei figli, vorrei mantenere un cattolicesimo fresco durante tutto l’anno. Ecco perché ho iniziato ad approfondire alcune feste cattoliche, meno conosciute, nelle quale poter trascorrere un bel tempo in famiglia. Tutte quelle che vi propongo hanno delle tradizioni davvero simpatiche, ai vostri figli piaceranno sicuramente.

Santa Brigida – 1 febbraio

Santa Brigida d’Irlanda viene facilmente messa in ombra da San Patrizio, ma la sua è una storia davvero affascinante e suggestiva. Nata nella schiavitù e sopravvissuta grazia al latte di una mucca (data l’impossibilità della madre di nutrirla), Brigida desiderava donare ai poveri tutti i suoi averi sin dalla più tenera età. Una storia narra che un’intero carico di burro fosse stato moltiplicato dopo che lei ebbe interceduto per conto di sua madre.

Ci sono tante tradizioni per il giorno della sua festa, tra cui realizzare una Croce di Santa Brigida da appendere sulla porta di casa, oppure (alla vigilia) preparare una torta e del burro per lei, e del mais per la sua mucca. La leggenda vuole che la Santa, dopo che i bambini vanno a dormire, venga a benedire le coltivazioni e i raccolti di ogni fedele.

C’è anche l’usanza di legare un nastro sugli alberi del giardino di casa, il cosiddetto “Mantello di Santa Brigida”, che avrebbe potere curativo lungo il corso della giornata.

E non dimenticate il cibo! Ci sono tanti deliziosi manicaretti irlandesi con cui celebrare una simile giornata, tra cui il Colcannon, il Boxty e, ovviamente, la Shepherd’s Pie.

Sláinte!


LEGGI ANCHE: Festa, solennità, memoria… qual è la differenza?


San Nicola – 6 dicembre

Certo, conosciamo tutti la leggenda di San Nicola che viene a Natale per celebrare la nascita di Gesù donando giocattoli e sorprese ai ragazzini che hanno fatto i bravi. Molti cattolici hanno però deciso di celebrare la vera festa del Santo, piuttosto che parlarne soltanto quando Babbo Natale si intrufola nei loro camini.

Una cosa divertente è dire ai bambini di mettere fuori casa le scarpe, prima di andare a dormire alla vigilia. I genitori fanno il loro trucchetto e, quando i bambini si alzano il giorno dopo, trovano delle monete e dei regali nelle loro scarpe!

È un ottimo modo per riportare l’attenzione sulla gioia delle piccole cose, invece che sulla falsa esigenza dei grandi doni a cui ci ha spesso abituati il 25 dicembre.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni