Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
vaticano notizie

Il Papa sui migranti: “Il Mediterraneo è diventato un cimitero”

Vatican Insider - pubblicato il 17/09/16

«Pensate alla sacra famiglia – Maria, Giuseppe e al bambino Gesù – nel loro lungo viaggio in Egitto come rifugiati, mentre scappavano dalla violenza e trovavano rifugio tra gli stranieri…». Papa Francesco ricorda ciò che persino i cristiani rischiano a volte di dimenticare e cioè che il loro Dio fatto uomo è stato migrante, è nato in condizioni precarie e ha avuto salva la vita perché c’era un Paese che non aveva alzato muri per fermare i rifugiati. Lo fa concludendo il suo discorso ai partecipanti all’Incontro europeo degli ex alunni dei Gesuiti, che si sta svolgendo a Roma e ha per tema: «Migrazione globale e crisi dei rifugiati: è tempo di contemplare e agire».

Ricevendoli nell’sala del Concistoro, il Papa ha ribadito che quella dei migranti e rifugiati è «la crisi umanitaria più grande, dopo la seconda guerra mondiale». «Tragicamente – ha aggiunto – nel mondo oggi più di 65 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare i loro luoghi di residenza. Questo numero senza precedenti va oltre ogni immaginazione. Il numero complessivo dei profughi è ora più grande dell’intera popolazione dell’Italia!».

Ma Francesco invita ad andare oltre «la mera statistica»,  per scoprire che i rifugiati «sono donne e uomini, ragazzi e ragazze che non sono diversi dai membri delle nostre famiglie e dai nostri amici. Ognuno di loro ha un nome, un volto e una storia, come l’inalienabile diritto di vivere in pace e di aspirare a un futuro migliore per i propri figli». Bergoglio ha quindi ricordato che l’Associazione mondiale degli ex alunni dei gesuiti è dedicata alla memoria di padre Pedro Arrupe, superiore generale dei gesuiti e il fondatore del Jesuit Refugee Service, l’organizzazione che nacque per rispondere alla situazione dei “boat people” sud-vietnamiti.

«Purtroppo, il mondo oggi – ha detto ancora il Pontefice – si trova ancora coinvolto in innumerevoli conflitti. La terribile guerra in Siria, come le guerre civili nel Sud-Sudan e altrove nel mondo possono sembrare irrisolvibili. Questa è proprio la ragione per cui il vostro incontro “per contemplare e agire” relativamente alla questione dei rifugiati è così importante».

«Più che mai oggi – ha aggiunto – mentre la guerra imperversa in diverse parti del mondo, mentre un numero mai raggiunto prima di rifugiati muore tentando di attraversare il Mar Mediterraneo – che è diventato un cimitero -, oppure trascorre anni e anni nei campi, la Chiesa ha bisogno che voi attingiate al coraggio e all’esempio di padre Arrupe». Perché «in questo frangente della storia, c’è un grande bisogno di persone che ascoltino il grido dei poveri e che rispondano con compassione e generosità».

Francesco ha quindi incoraggiato i presenti «a dare il benvenuto ai rifugiati nelle vostre case e comunità, in modo che la loro prima esperienza d’Europa non sia quella traumatica di dormire al freddo nelle strade, ma quella di un’accoglienza calda e umana. Ricordate che l’autentica ospitalità è un profondo valore evangelico, che alimenta l’amore ed è la nostra più grande sicurezza contro gli odiosi atti di terrorismo».

Dopo aver citato il «dato di fatto preoccupante» delle statistiche, e cioè che meno del 50% dei bambini rifugiati hanno accesso alla scuola primaria, un numero che si riduce al 22% per gli adolescenti rifugiati iscritti a scuole secondarie e a meno dell’1% che può accedere ad un’istruzione universitaria, Francesco ha ricordato la situazione della sacra famiglia, con Maria, Giuseppe e il piccolo Gesù che hanno vissuto l’esperienza dei rifugiati. E ha infine fatto riecheggiare le parole di Gesù: «Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni