Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un invito ad allattare in chiesa (e a smettere di lottare contro questa pratica)

Vera Lair | Stocksy United
Condividi

Allattare non è un dibattito, ma un’opportunità di mostrare compassione

Sono la mamma di tre maschietti, e anche se vivo a San Francisco – la terra dei vegetali organici a ogni angolo e del compostaggio obbligatorio – non ho mai pensato veramente a me stessa come a una ragazza-immagine per l’allattamento al seno, ma negli ultimi otto anni, da quando è nato il mio figlio maggiore, ho trascorso esattamente 43 mesi della mia vita allattando al seno un bambino.

Sono sicura che vi siete fatti delle idee sulla persona che devo essere se agisco così. Devo essere uno spirito libero. Devo indossare pantaloncini e sandali Birkenstock e cucirmi da sola le mie magliette a fiori. Devo essere una di quelle donne che non portano il reggiseno e che non hanno problemi a mostrare il seno di fronte a tutti i frequentatori del parco, mentre mio figlio di cinque anni dice: “Mamma, posso bere dal tuo seno, per favore?”

Per rispondere alle vostre domande: No, i miei figli più grandi non vengono allattati al seno. No, non mi cucio da sola le magliette. E no, non sono – e non sono mai stata – quella che la gente descriverebbe come una hippy. Mi trucco e metto sempre il reggiseno in pubblico. Mi faccio molte remore a mostrare il seno al parco (e in qualsiasi altro posto). E sì, ancora allatto mio figlio di 17 mesi.

Ecco quello che volete sapere su di me e su mio figlio Ace. Ace ha la sindrome di Down e presenta dei ritardi in molte aree del suo sviluppo. È grande come un bambino di un anno e si nutre cinque volte al giorno, nonostante la sua età e nonnostante io non abbia mai programmato di allattare un bambino ancora a 17 mesi. Ace ha rifiutato il biberon da quando aveva tre mesi, e sta lavorando con un terapeuta per allenare i muscoli della bocca per bere da un bicchiere. Lo allatto perché non potrebbe ricevere tutto il suo nutrimento liquido da un bicchierino.

La nostra vita è piena, per cui lo allatto nel passeggino mentre vado a prendere i miei figli più grandi a scuola o durante la lezione di nuoto di mio figlio di otto anni, o durante la partita di calcio di quello di cinque. Lo allatto al parco e nel negozio di alimentari. Lo allatto mentre gioco ai giochi da tavolo sul pavimento del soggiorno. E sì, lo allatto in chiesa.

Se non lo allattassi in pubblico non riuscirei a prendermi cura dei miei figli maggiori. Se non lo allattassi in pubblico deperirebbe.

Papa Francesco e le mamme che allattano

Nel 2014, il papa ha sorpreso molte persone quando ha incoraggiato alcune mamme di bambini che aspettavano di essere battezzati ad allattare i figli che piangevano.

Sì, intendeva che dovevano allattare i loro figli. In chiesa.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni