Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

5 cose che Cristo ci ha insegnato coi suoi gesti e col suo corpo

Flickr.com/ Creative Commons/ © Quinn Dombrowski

Catholic Link - pubblicato il 15/09/16

E noi che faccia abbiamo quando parliamo di Dio?

Di Sebastian Campos

Gesù deve aver avuto una grande capacità di comunicazione non verbale (se la gente aveva il coraggio di avvicinarsi a Lui), ed era sicuramente dovuto al fatto che veniva ritenuto accogliente e mostrava di avere tempo da dedicare alla gente. È probabile che, non essendoci sistemi di amplificazione, molti dei suoi messaggi diffusi in pubblico non si riuscissero a sentire molto bene, ma tutto il suo modo di esprimersi comunicava la buona novella, e questo ha conquistato il cuore di molte persone.

Noi cristiani, seguaci e imitatori di Cristo, teoricamente cerchiamo di essere come Egli ci invita ad essere, sia a parole che con i fatti. Se guardiamo al nostro modo di relazionarci agli altri dovremmo pensare: “Com’è la nostra comunicazione non verbale? Comunichiamo quello che vogliamo dire realmente?” Papa Francesco, parlando di come noi cristiani dovremmo esprimere la nostra allegria e la nostra speranza agli altri, diceva che molti hanno una “faccia da peperoncini all’aceto”. Che faccia hai quando parli di Dio?

Secondo l’autore che ho studiato sul tema della comunicazione non verbale, troveremo che il nostro atteggiamento consiste di varie componenti allo stesso tempo, come l’atteggiamento del corpo, i movimenti facciali, il vestiario, lo sguardo, il sorriso… Consideriamo 5 di questi elementi per invitarvi a riflettere e ad analizzare il modo in cui comunichiamo. Condividete poi il tutto con il gruppo in cui fate apostolato, per poter affrontare insieme a loro queste situazioni di comunicazione. 

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
comunicazionecorpogestigesù cristo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni