Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Visitare il santuario della Madonna di Guadalupe a bordo di un drone

Fr Lawrence Lew, OP-CC
Condividi

Come si vede dall’alto la chiesa più amata del Messico?

La basilica di Nostra Signora di Guadalupe non è solo un monumento trionfale della Controriforma cattolica (almeno la prima basilica, quella antica), ma anche un tempio che secondo la tradizione sarebbe stato fatto costruire proprio dalla Madre di Dio.

È necessario chiarire che la basilica di Guadalupe non è più una sola. Due basiliche, la vecchia e la nuova, formano La Villa de Guadalupe: in origine, quello che oggi è il santuario mariano più visitato del mondo era un villaggio separato dalla capitale messicana, chiamato La Villa de Guadalupe Hidalgo, il luogo in cui i missionari avrebbero dovuto iniziare la costruzione di questa “Nuova Gerusalemme”.

Questa immagine della “Nuova Gerusalemme” è così determinante che la nuova basilica – costruita tra il 1974 e il 1976 – ha sette porte sulla facciata, alludendo alla Gerusalemme Celeste.

Grazie a un video condiviso su YouTube dall’utente Miguel Torruco, ora possiamo vedere dal cielo questa basilica, modello della Gerusalemme celeste, accanto alla prima.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni