Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconvaticano notizie
line break icon

Medio Oriente, i leader islamici riconoscono il contributo dei cristiani alla civiltà araba

Vatican Insider - pubblicato il 09/09/16

Le Chiese e le comunità cristiane del Medio Oriente apprezzano e seguono con ottimismo le iniziative di istituzioni e leader musulmani della regione «che si sono impegnati nel rifiuto dell’estremismo e della violenza, hanno affermato il rispetto della diversità, e hanno riconosciuto il ruolo della componente cristiana come fattore originale e fondamentale della civiltà araba e dell’intera regione, invocando che tale fattore sia preservato».  

Così i Capi e i rappresentanti di tutte le Chiese e le comunità ecclesiali riuniti ad Amman nella loro XI Assemblea, hanno voluto rendere omaggio ai rappresentanti autorevoli di comunità e istituzioni islamiche che davanti alle travagliate vicende in atto nell’area mediorientale hanno riconosciuto la presenza cristiana in Medio Oriente come fattore autoctono e componente essenziale delle società mediorientali. Lo hanno fatto nel messaggio finale diffuso al termine della XI Assemblea del Consiglio delle Chiese del Medio Oriente, conclusasi giovedì 8 settembre ad Amman. «L’Assemblea – si legge nel documento, pervenuto all’Agenzia Fides – si augura che tali atteggiamenti espressi da istituzioni e rappresentanti musulmani si traducano in misure concrete, per passare ad un nuovo modello di collaborazione e condivisione».  

Il testo diffuso alla fine dell’Assemblea esprime considerazioni e criteri condivisi dalle Chiese cristiane davanti ai problemi e ai drammi che segnano l’attualità mediorientale. Tra le altre cose, si esprime l’intenzione di costituire una delegazione incaricata di girare i Paesi del Medio Oriente per incontrare autorità civili e religiose, compresi i leader delle grandi istituzioni islamiche come l’Università sunnita di Al Azhar e quella sciita di Qom, per cercare insieme soluzioni atte a favorire la continuità della presenza cristiana nella regione. I Capi delle Chiese e delle comunità cristiane invitano la comunità internazionale a intervenire per fermare il conflitto siriano, astenendosi «dal fornire armi a gruppi terroristici» e perseguendo una soluzione pacifica della crisi siriana che non metta a rischio «l’unità della Siria» e la convivenza delle diverse componenti etniche e religiose in seno alla società civile.  

Il documento richiama la responsabilità dei Paesi arabi e della comunità internazionale all’accoglienza e al sostegno agli sfollati, sulla falsariga di quanto fanno le Chiese e gli organismi ecclesiali, mettendo in conto anche il futuro appoggio da fornire al “ritorno” dei rifugiati alle proprie terre natali, «al più presto possibile». Si ribadisce anche il sostegno alla causa del popolo palestinese e al suo diritto ad avere uno Stato, e si chiede di porre fine alla situazione anomala vissuta dall’isola di Cipro, ripristinando l’unità del territorio e garantendo i diritti di tutti i suoi cittadini.  

Nel documento si esprimono ringraziamenti al Regno Hashemito di Giordania, che ha ospitato i lavori, e del quale viene riaffermato il ruolo di custode dei Luoghi Santi anche cristiani in Terra Santa. Vengono ringraziate anche le autorità egiziane, per aver emanato la nuova legge sulla costruzione e restauro dei luoghi di culto cristiani. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni