Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
vaticano notizie

Emozioni, sale della vita e dell’educazione

Vatican Insider - pubblicato il 07/09/16

La formula dello scorso ne aveva decretato il successo, così i responsabili delle Edizioni Il Messaggero di Sant’Antonio di Padova e dell’Ufficio pastorale educazione e scuola della diocesi patavina hanno deciso di continuare la collaborazione che li vede affiancati nella formazione dei docenti, in particolare di IRC, ma non solo. 700 partecipanti e iscrizioni chiuse due settimane in anticipo sono la premessa decisamente incoraggiante del nuovo evento 2016 che si svolgerà presso l’Auditorium dell’OPSA a Sarmeola di Rubano (Padova) il 9 e 10 settembre sul tema delle Emozioni. 

«Da figli del nostro tempo e del nostro mondo occidentale noi siamo soliti affidare la nostra vita alla freddezza e, per certi versi, alla prevedibilità della nostra razionalità: discernimento, progetti, problem solving, gestione della vita relazionale e affettiva – commenta fra Fabio Scarsato, direttore editoriale della Casa Editrice dei francescani conventuali – Che poi le cose non stiano semplicisticamente così, che la razionalità intesa come aspettativa di comprensione intellettuale di tutto sia una pretesa assurda è scoperta quotidiana». 

«Educare si può», o meglio «si deve», scrive il pedagogista salesiano don Alessandro Ferraroli. Perché, anche nel mondo moderno, nel tempo della globalità e del virtuale, educare è ancora una missione possibile, e quanto mai necessaria. Ma ogni educatore oggi sa bene che non basta «apprendere»: occorre che l’apprendimento sia significativo. In una dinamica di apprendimento l’esperienza emotiva infatti è tutt’altro che secondaria, soprattutto nell’attuale contesto di fragilità e precarietà. Come dire, si apprende meglio, se emotivamente coinvolti, se ciò che apprendo riesce a far vibrare le corde della vita e non solo i neuroni della mente, se è capace di fornire un approdo. 

Ecco perché occorre sempre motivare sempre a tre dimensioni: con la testa, il cuore e le mani per fare appello alla dimensione cognitiva, emotiva e pragmatica. La sola informazione, anche quella più scientificamente corretta, non basta a raggiungere il cuore delle persone e attivare una modifica di attitudini e comportamenti, ad ogni età. E ciò si rivela sempre più indispensabile per quanti operano quotidianamente con i ragazzi nell’educazione scolastica o nell’educazione in genere (quanti genitori si preoccupano di ciò che «sentono» i figli? O delle motivazioni che hanno reso se stessi distaccati nei loro confronti al rientro dal lavoro?) in quanto sono proprio le emozioni ad influenzare, spesso profondamente, i nostri comportamenti e i rapporti educativi. E oggi, nell’epoca dei social, la carica emozionale, se non riconosciuta e gestita correttamente, rischia di attivare comportamenti impensati. «Perché il trovarsi di fronte a un videoterminale di qualsiasi tipo fa cambiare la percezione delle nostre emozioni e a farne le spese prima di tutti sono proprio i nostri ragazzi», spiega don Lorenzo Celi, direttore dell’Ufficio pastorale educazione e scuola della diocesi di Padova. 

«Tu chiamale emozioni, tra mente e cuore» è allora un tema di scottante attualità che verrà declinato a livello disciplinare da una serie di esperti per riflettere sul linguaggio delle emozioni nei ragazzi e la loro conflittualità, come descrivere le proprie emozioni e il rapporto fra teologia ed emozioni. Tra i relatori, Cristina Simonelli (Coordinamento Teologhe Italiane), Gustavo Pietropolli Charmet (psichiatra e psicoterapeuta dell’adolescenza), Duccio Demetrio (Libera Università dell’Autobiografia e Accademia del Silenzio), Daniele Novara (Centro Psicopedagogico per la pace), Simona Atzori (artista, ballerina, formatrice). È previsto anche un laboratorio cinematografico interreligioso a cura di Religion Today Film Festival di Trento. 

E, in occasione del Convegno (che anche quest’anno vanta una lunga serie di patrocinii tra cui il MIUR e la Facoltà Teologica del Triveneto), arriva in libreria il breve saggio che raccoglie e riprende il titolo di quello, fortunato, dello scorso anno: «In carne e ossa. Tra corpo e spirito» dedicato al tema della corporeità, oggi decisamente rivalutata anche in ambito cattolico, e al nesso corpo/fede. 

Autori sono la trentina Elena Bosetti, religiosa della Famiglia Paolina di Gesù buon Pastore, teologa biblista, già docente di ecclesiologia e di esegesi del Nuovo Testamento (che tratta del libro più «carnale» della Bibbia, il Cantico dei Cantici) e il lombardo Franco Giulio Brambilla, dal 2012 vescovo di Novara – già docente di cristologia e antropologia teologica preso la Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale e preside della stessa Facoltà dal 2006 al 2012 – che, partendo dal racconto dei discepoli di Emmaus, guida la riflessione sul ruolo del corpo dopo l’evento della Pasqua.  

Elena Bosetti – Franco Giulio Brambilla, In carne e ossa (prefazione di Claudio Imprudente, introduzione di Lorenzo Celi) Edizioni Il Messaggero di Sant’Antonio pp. 100, € 9,00. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni