Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Si può tenere in casa o bere l'acqua benedetta?

Didgeman

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 06/09/16

Uso per esorcizzare: L’uso dell’acqua benedetta, tra molte altre cose, è una protezione efficace contro l’influsso del diavolo. Diceva San Josemaría Escrivá: “Mi chiedi perché ti raccomando sempre, con tanto impegno, l’uso quotidiano dell’acqua benedetta. Potrei offrirti molte ragioni. Ti basterà sicuramente questa della santa di Avila: ‘Da nulla fuggono i demoni, e per non far ritorno, più che dall’acqua benedetta’ (Cammino 572)”.

E se la materia (il santo Crisma o l’acqua benedetta, ecc.) ha una certa influenza, ad esempio nell’espellere i demoni, non è per la sua materialità in sé, ma perché la Chiesa ha unito a questa materia un potere spirituale nel benedirla. Di conseguenza l’oggetto non agisce per se stesso, ma per il potere di Cristo che si è unito a questo oggetto. Detto in altri termini la Chiesa, con il potere che ha ricevuto da Cristo, può unire un effetto spirituale a una materialità.

Chiunque può consacrare, benedire ed esorcizzare con acqua benedetta? No. Queste azioni (consacrare, benedire ed esorcizzare) sono riservate a un ministro ordinato e/o amministrate sotto il suo orientamento. Oltre agli usi menzionati in precedenza dell’acqua benedetta, la Chiesa la utilizza nelle esequie. Si sparge acqua benedetta sui feretri per accompagnare i defunti nell’ingresso nell’eternità.

Da parte del fedele, l’acqua benedetta si può usare direttamente per:

Pensare a Cristo: L’acqua benedetta permette che i fedeli pensino a Cristo ed entrino in contatto con Lui. Egli stesso si fa chiamare “acqua viva” (Gv 4, 13-14).

Ricordare la propria dignità battesimale: L’acqua benedetta ci rimanda al nostro Battesimo, il momento in cui entriamo a far parte della famiglia di Dio essendo riconosciuti come suoi figli. L’acqua benedetta serve a rinnovare le promesse battesimali, soprattutto in modo solenne nella notte della Veglia Pasquale e nelle domeniche di Pasqua.

Farsi il segno della croce: Visto che il potere sacerdotale lascia un’influenza sull’acqua benedetta, farsi il segno della croce con questa acqua ci porta grazie divine attraverso la preghiera della Chiesa. È quindi chiaro il rapporto dell’acqua con la dimensione spirituale del cristiano, un rapporto che affonda le sue radici nella storia biblica.

Bisogna ricordare che nella Sacra Scrittura l’acqua è direttamente collegata alla salvezza, e l’acqua benedetta è stata usata nella liturgia fin dalle origini della Chiesa. Per questo, ogni volta che veniamo aspersi con acqua benedetta o facciamo il segno della croce con questa entrando in chiesa renderemo grazie a Dio per i suoi doni e imploreremo il suo ausilio per vivere in base alle esigenze del Battesimo, che è il sacramento della salvezza.

Fin qui abbiamo parlato dell’uso corretto, lecito e sano dell’acqua benedetta. In tutto ciò che esula da quanto detto, l’uso dell’acqua benedetta è illegittimo.

L’uso scorretto dei sacramentali è ciò che fa sì che i non cattolici screditino la Chiesa e taccino le sue azioni come estranee alla Bibbia o proprie di fanatici. Per attaccare la Chiesa e negare l’azione della Chiesa voluta da Cristo, i non cattolici si basano proprio sugli abusi e sull’uso scorretto dei sacramentali. Dobbiamo conoscere bene l’uso e la funzione dei sacramentali, e in concreto soprattutto dell’acqua benedetta, così come bisogna far conoscere a chi non lo sa cosa significhino davvero.

L’uso dell’acqua benedetta da parte del fedele deve essere effettuato con prudenza, responsabilità e criterio, allontanando qualsiasi uso superstizioso. Non è solo l’acqua benedetta a dover essere slegata da tutto ciò che è superstizione, ma anche tutto quanto è collegato alla fede.

Si cade nella superstizione quando si usano i sacramentali e anche i sacramenti stessi per fini estranei al sano e corretto sentimento religioso. Il superstizioso ripone la propria fiducia solo nelle sue azioni, anche se sono buone, con l’intenzione di obbligare Dio a concedergli tutto ciò che gli interessa.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
acqua benedetta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni