Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
vaticano notizie

“Così ho analizzato la scrittura di Madre Teresa”

Vatican Insider - pubblicato il 05/09/16

Nel 1989 mi è stata data la scrittura di madre Teresa da un amico che l’ha conosciuta personalmente e che mi disse di essere incuriosito da cosa sarebbe emerso dallo studio della sua grafia. Infatti, circolavano opinioni contrastanti tra un carattere generoso e, a detta di una giornalista, una persona vincolata dal danaro. Nulla di più errato! Madre Teresa risultava persona spontanea, limpida e scevra da ogni interesse materiale.

Ecco il profilo che feci allora:

Il volto e la scrittura di madre Teresa di Calcutta mettono in risalto l’armonia che ella ha sempre espresso, riuscendo a conciliare “il dire” con il “fare”. 

Le rughe sul viso simboleggiano i solchi della terra, lasciati dall’aratro, quando passa sul terreno perché vi sia posto il seme. Ella in questo modo personifica la Grande Madre Terra e nel suo volto c’è proprio colei che nutre, che accoglie e che fa fermentare il seme affinché nasca il frutto. 

Madre Teresa esprime questa sua natura anche col sorriso, sempre in accordo con lo sguardo: entrambi schivi e composti, ma insieme accoglienti e intensi.  

Il carattere aperto di madre Teresa la rende propensa a ricevere e a dare: un ascolto attivo che può guarire e risanare l’intera umanità. 

La grafia, con le sue forme tondeggianti, con il gesto chiaro, sicuro e scorrevole dichiara generosità, accoglienza e altruismo, ma anche fermezza. La pressione, che fa scorrere la penna sul foglio in modo fluido, indica una sana energia psicofisica che le permette, insieme alle doti cognitive, di affrontare e superare gli ostacoli e le difficoltà che la realtà le presenta ogni giorno. 

Il tratto delle “T”, staccato dall’asta della lettera, un po’ sopraelevato, è il segnale di un meccanismo di difesa che l’ha spinta a distinguersi nel bene, ad elevarsi con umiltà, ma anche con durezza, tenacia e fermezza là dove occorre, soffocando così l’innato orgoglio o, meglio, mettendolo a servizio dei più umili e bisognosi. Come si vede, anche il limite può diventare luce e forza se ben indirizzato. 

*Evi Crotti è psicopedagogista, giornalista e scrittrice. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni