Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconSpiritualità
line break icon

La vita nello Spirito non è una conquista umana, ma un “lasciarsi scivolare”

Public domain

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 02/09/16

Vi è capitato di non trovare in voi stessi l‘ubi consistam, l’aggancio all’Essere, di sentirvi vittime del vostro istinto e di una immediatezza sterile? In caso affermativo, vi propongo una via di guarigione sulla base dei tre cantici della preghiera delle ore, il Benedictus, il Magnificat e il Nunc dimittis, che ci accompagnano ogni giorno affidandoci un messaggio ben preciso.


LEGGI ANCHE: Come si prega con la Liturgia delle ore e quando?


Il Benedictus, l’inno intonato da Zaccaria nel momento in cui riacquista la parola, è un’esplosione di gioia per la visita che il Signore fa al suo popolo. Se Dio si affaccia nella storia, una nuova prospettiva rimette ogni cosa in discussione.

Il Magnificat esprime l’esultanza dell’anima che ha toccato con mano i benefici della visita. Qui il rovesciamento dei criteri è proclamato in termini espliciti: è la rivoluzione della fede, più autentica e profonda di qualsiasi iniziativa umana.

Il Nunc dimittis indica la disponibilità a lasciarsi portare dal Signore senza resistenze, a scivolare su un piano diverso di esperienza personale.

È questo il verbo decisivo: scivolare. Non si tratta di decidere qualcosa a tavolino; la svolta della vita non avviene a comando. Significa, invece, farsi prendere per mano da Gesù, per accedere alla dimensione vitale dello spirito: il bello, il buono, il vero; la tenerezza, l’amore, il perdono, sono lì che aspettano la nostra presa di coscienza, l’adesione alla vera identità, all’immagine che il Padre si è fatta di noi.

È un cammino segnato da tre cantici: ci ricordano ogni giorno che il Signore ci fa visita, rivoluziona l’esistenza e ci chiede un abbandono fiducioso: credere non è uno sforzo titanico, una conquista umana; non è un arrovellarsi il cervello o uno stringere i denti per salire su una vetta irraggiungibile; credere è unlasciarsi scivolare nel mondo incantato dello spirito, dove tutto è come Dio lo vuole.

Tags:
preghieraspiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni