Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 01 Marzo |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconCultura
line break icon

Una canzone per raccontare il dramma di aver perso un bambino in grembo

Hillary Scott - pubblicato il 01/09/16

“Thy Will” è una lettera a Dio, scritta per rompere il silenzio in seguito alla tragedia dell'aborto spontaneo

“Sento che c’è una pressione, come se ci si aspettasse che in un batter d’occhio potessimo tornare alla vita di sempre, come se non fosse successo nulla”.

Hillary Scott, vocalist dei Lady Antebellum, non aveva mai scritto una canzone in condizioni così dure. Lo scorso autunno, infatti, la cantante country e madre di una bambina di due anni ha perso il suo secondo figlio.

Si sa che molte donne si chiudono nel silenzio, non si parla molto degli aborti spontanei. “Sento che c’è una pressione, come se ci si aspettasse che in un batter d’occhio potessimo tornare alla vita di sempre, come se non fosse successo nulla”, ha aggiunto Scott.

E quindi ha deciso di rompere il silenzio.

Dopo aver raggiunto il successo con i Lady Antebellum, Hillary Scott ha lanciato il suo primo album da solista (Love Remains); un album country basato sulla sua fede e registrato insieme a sua madre, suo padre e la sua sorella minore.

Il pezzo “Thy Will”, contenuto nell’album, è la sua lettera a Dio dopo la tragica perdita del suo bimbo. “Pongo delle domande molto difficili. E credo con tutta me stessa che io non riesco a vedere molte cose nella storia della mia vita. Nonostante tutto, ho scelto comunque di confidare in Lui”.

“Thy Will” e l’album Love Remains sono disponibili su iTunes. Condividete questa canzone, qualcuna che conoscete potrebbe aver bisogno di sapere che non è sola nella sua sofferenza.

Per restare aggiornati sui vostri artisti preferiti e per scoprire nuova musica ogni giorno, seguite Cecilia su Facebook.

Libby Reichert

Tags:
aborto spontaneoCeciliafedemusica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni