Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Il cancro l’ha lasciata paralizzata, ma l’amore del padre le ha donato una nuova vita

Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo
Condividi

A differenza degli altri bambini di un anno, che gattonano e imparano a camminare, Evelyn Moore si muove in un altro modo: con la sedia a rotelle.

A 4 mesi i medici le diagnosticarono un tumore alla spina dorsale. Sottoposta ad 8 cicli di chemioterapia, la piccola è in remissione da tre mesi; ma nonostante tutti i tentativi dei medici, il cancro l’ha lasciata paralizzata dalla vita in giù.

Kimberly, la madre della bimba, ha raccontato ad ABCnews che inizialmente i medici consigliarono di lasciarla strisciare con le braccia e permetterle, gradualmente, di usare una sedia a rotelle tradizionale. Ma Kimberly e suo marito Brad avrebbero voluto dare alla piccola Evelyn un’infanzia che fosse la più ‘normale’ possibile.

La bimba, che ora ha un anno, riesce a spostarsi senza problemi usando una sedia a rotelle particolare costruita dal suo ingegnoso e creativo papà, Brad.

“È più che coraggiosa”, ha commentato la madre. “Con la sua sedia a rotelle sfreccia a ‘tutta velocità’ lungo le discese, alzando le mani al cielo… È una brava bimba. Ne ha passate tante, e adesso sta semplicemente cercando di tornare ad una sorta di normalità”.

Ispirato da una foto vista su Pinterest, suo padre ha preso un tagliere, delle ruote e un seggiolino. Spendendo 100 dollari e qualche giorno di lavoro, Brad è così riuscito a creare una sedia a rotelle a misura di una bimba della sua età. Un’idea semplice ma geniale, che ha cambiato la vita della piccola Evelyn.

Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo
Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo
Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo

“Non abbiamo avuto troppe opzioni tra cui scegliere”, ha dichiarato Kimberly in merito alla condizione di Evelyn. “Quando a mia figlia venne diagnosticato il tumore, eravamo così preoccupati per la sua sopravvivenza da non considerare affatto la questione ‘sedia a rotelle’ con l’assicurazione. Abbiamo visto alcune foto su Pinterest, e Brad mi ha detto che avrebbe potuto pensarci lui. In un paio di giorni, Evelyn ha avuto la sua sedia”.


LEGGI ANCHE: Casen Broussard, il bambino malato di cancro che ha parlato con Gesù


Uno dei dottori che ha seguito il caso di Evelyn è l’oncologo Bev Wilson, dell’ospedale pediatrico Stollery di Alberta. Anche Wilson ha detto all’ABCNews che la nuova sedia a rotelle ha avuto un impatto straordinario sulla sua mobilità e, di conseguenza, sulla sua vita sociale.

“È molto felice”, ha dichiarato Wilson. “Va in giro senza problemi, va a trovare delle infermiere che vuole vedere o altri bambini. Conosce tutti qui, ormai. Senza [la sedia a rotelle costruita dal padre] non sarebbe possibile, perché non potrebbe muoversi. Adesso invece vuole esplorare tutto ciò che la circonda. E non è come gli altri bambini, infatti è molto più veloce!”

È così veloce, ha confessato la madre con un sorriso, che a casa hanno dovuto mettere dei piccoli dossi per farla rallentare. La sedia è inoltre progettata in modo da pendere leggermente avanti, così che la piccola possa raccogliere agilmente i giocattoli caduti a terra.

“Su quella sedia emerge la sua vera personalità”, ha concluso la madre. “Adesso interagisce esattamente come qualsiasi altro bambino della sua età. Esplora ogni cosa attorno a lei. È entusiasmante vederla così”.

Il mese prossimo Evelyn andrà all’evento “Camp Beat It”, ospitato dall’organizzazione “Kids With Cancer Society”, e porterà con sé il suo inseparabile mezzo di trasporto personalizzato.

Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo
Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo
Jason Franson/The Canadian Press via AP Photo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni