Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

4 ragioni per cui Giovanni Battista è stato il primo hipster

Condividi

Vi viene in mente qualcuno di più autentico e controcorrente?

Sapevate che San Giovanni Battista è stato il primo hipster?

Secondo la definizione data dall’Urban Dictionary, l’hipster è una persona “di solito tra i 20 e i 30 anni che dà valore al pensiero indipendente, alla contro-cultura… apprezzano la creatività, l’intelligenza e la satira sottile”. Un hipster spesso ostenta “tagli di capelli disordinati e stravaganti”, lunghe barbe, vestiti d’altri tempi (spesso trovati al negozio dell’usato), e il suo stile tende a non essere “influenzato dalla pubblicità e dai media tradizionali”.

Gli Hipster spesso mangiano biologico (principalmente frutta e verdura) e hanno una bicicletta a scatto fisso con cui vanno ovunque, preferendo mezzi di trasporto che non abbiano un impatto negativo sull’ambiente. E prendono una posizione sui grandi temi sociali.

Secondo questa definizione, quindi, San Giovanni Battista era cool già 2mila anni fa!

Confusi? Andiamo un po’ più a fondo.

Gli Hipster danno valore al pensiero indipendente, alla contro-cultura e prendono una posizione sui temi sociali.

Chi è riuscito a vivere da solo nel deserto, battezzare le persone e sfidare – apertamente e ad alta voce – le scelte e gli atteggiamenti di farisei e sadducei? San Giovanni Battista, che ha persino avuto il coraggio di rimproverare Re Erode per la sua relazione illecita. Il suo pensiero indipendente e le sue idee controcorrente gli hanno causato problemi con i potenti, portandolo infine al martirio.

Gli Hipsters apprezzano la creatività, l’intelligenza e la satira sottile.

San Giovanni Battista era brillante nei suoi discorsi e faceva mostra della sua intelligenza quando si schierava contro il potere costituito.


LEGGI ANCHE: Il prete hipster che sta trasformando i cuori in Spagna


“Razza di vipere! Chi vi ha suggerito di sottrarvi all’ira imminente? Fate dunque frutti degni di conversione, e non crediate di poter dire fra voi: ‘Abbiamo Abramo per padre’. Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre. Già la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco” (Matteo 3:7-10).

Gli Hipster spesso hanno tagli di capelli stravaganti, lunghe barbe, un aspetto vintage e uno stile non convenzionale.

“Giovanni portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi” (Matteo 3:4). In ogni rappresentazione, il Santo ha inoltre un aspetto trasandato e una barba lunga da far impallidire d’invidia qualsiasi hipster moderno.

Gli Hipster mangiano biologico (principalmente frutta e verdura) e scelgono mezzi di trasporto che non hanno un impatto negativo sull’ambiente.

“Il suo cibo erano locuste e miele selvatico” e si recava ovunque camminando. Non c’è niente di più biologico ed ambientalista di questo!

Gli hipsters inoltre vengono ritenuti dei “pionieri”, perché fanno qualcosa prima che diventi di moda. San Giovanni Battista fu un gran credente nel Messia quando gli altri non sapevano nemmeno di chi stesse parlando, e tracciò la via affinché gli altri potessero credere in Gesù.

Quindi un vero hipster dovrebbe ispirarsi a San Giovanni Battista, perché lui era un uomo a cui non importava affatto ciò che gli altri avrebbero pensato, e preparò il mondo per il più grande “movimento sociale” di sempre.

Ma ciò che lo rende ancora di più un modello da seguire (e non solo per gli hipster) è il fatto che le azioni di San Giovanni non appartenevano a una moda passeggera, ma era un’autentica ispirazione da Dio. La sua santità non dipendeva da ciò che indossava, mangiava, o sembrava, ma dalla sua forte fede in Dio e nel fatto che Lui sarebbe giunto sulla Terra per salvare il suo popolo. Credeva davvero nella sua missione e aiutò gli altri a vedere che Gesù non era un semplice profeta, ma “l’Agnello di Dio”. Ecco perché Giovanni Battista non fu soltanto un “hipster”, ma un santo.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.