Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

15 nostri consigli per consacrare la giornata a Cristo

shutterstock
Condividi

So una cosa: Cristo è un gentiluomo, e si presenterà soltanto dove e quando è invitato. Non è schizzinoso, e non declinerà l’invito, seppur dovesse essere conciso, maldestro, distratto, scontroso o bizzarro. Tuttavia, si aspetta che noi l’invitiamo. E non c’è modo migliore di iniziare la giornata se non consacrandola a Lui nell’offerta del mattino.

Varrebbe la pena di recitare una rapida offerta del mattino persino se dovesse essere l’unica preghiera della giornata. Ho scritto già altre volte riguardo alla mia lunghissima lotta contro la depressione, particolarmente profonda e oscura da adolescente e a 20 anni. Ho già detto che i cattolici dovrebbero cercare aiuto per le proprie afflizioni psicologiche, e non limitarsi a “pregare che tutto vada via”. Ho inoltre scritto che la terapia (anche quella secolare) può cambiare la vita, così come possono farlo anche farmaci di tipo anti-depressivo e per combattere l’ansia e che un supporto autentico può portare più vicini a Dio.

Eppure non posso non dire, con la stessa enfasi, che nel periodo più bui della mia vita c’è stato un momento in cui la preghiera ha davvero fatto la differenza. Ho dunque iniziato a dire “Signore, offro a Te questo giorno” ogni mattina. Semplicemente questo. E cos’è successo?

Ricordo bene quei giorni. Il mio umore era “grigio”, invece del consueto “nero pece”. Se avessi continuato a pregare in quel modo, chissà quante tenebre avrei potuto evitare… Forse avrei avuto il coraggio di chiedere aiuto a qualcuno, riuscendo a uscire prima dal pozzo della depressione. Ad ogni modo, dopo un po’ ho smesso di recitare l’offerta del mattino (semplicemente perché sono un’idiota) e subito dopo l’oscurità è scesa nuovamente su di me.

Poi ho imparato la lezione. Ora faccio l’offerta del mattino sia che intenda continuare a pregare molto durante la giornata, e sia che io mi senta troppo pigra o impegnata per pregare nelle ore successive. Faccio l’offerta del mattino sia che io mi alzi con il morale alle stelle, e sia che io reputi inutile anche il solo respirare.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni