Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconChiesa
line break icon

Cosa lega San Giovanni al vino e ai serpenti?

Daniel R. Esparza - pubblicato il 25/08/16

Un modello iconografico classico mostra l'Evangelista con un calice da cui esce un serpente. E nasconde una storia poco conosciuta del Santo

In genere San Giovanni Evangelista è rappresentato con un’aquila al suo fianco. L’aquila è notoriamente un animale dalla vista portentosa che riesce a vedere da lunghe distanze. Ecco perché è stata associata alla visione dell’Apocalisse (letteralmente, “Rivelazione”) che il santo ricevette nell’isola di Patmos. Lì, stando a quanto detto da Sant’Ireneo di Lione, l’evangelista avrebbe scritto il libro.

Spesso San Giovanni è rappresentato anche nell’atto di scrivere, oppure circondato da alcuni dei suoi discepoli (la cosiddetta “Scuola giovannea”) a cui detta sia alcune sue lettere che il Vangelo.

Ma esiste un altro modello iconografico, meno comune, in cui il santo regge un calice con la mano destra. Da esso esce un serpente verde, mentre lui porta la mano sinistra al petto.

L’immagine è legata ad una tradizione del 27 dicembre, in cui si celebra la memoria di San Giovanni Evangelista. In quel giorno, fino a gran parte del XX sec., si soleva portare in chiesa delle bottiglie di vino o sidro per farle benedire.

E ogni volta che a casa fosse stata aperta una bottiglia di vino o sidro, un po’ del vino benedetto durante la festa di San Giovanni Evangelista sarebbe dovuto essere versato nella bottiglia nuova.

In alcune regioni questo vino (soprannominato “Amore di San Giovanni”) veniva regalato alle coppie che si sposavano oppure amministrato a chi era sul punto di morire, come sacramentale.

La tradizione nasce da un aneddoto associato alla biografia del santo: si racconta che, ad Efeso, venne offerto a Giovanni un calice di vino avvelenato. Prima di bere il santo fece il segno della croce sulla coppa e da questa ne uscì fuori il veleno, sotto forma di serpente verde.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]
Tags:
san giovanni evangelistastoriavino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni