Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconCultura
line break icon

«Quanto è sublime il Vangelo!». La fede di Napoleone Bonaparte

Public Domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 22/08/16

«Tutto proclama l’esistenza di Dio, ciò è indubbio… Da quando presi il potere, mi proposi di ristabilire la religione… Ai miei occhi la religione è la base e il fondamento della morale, dei principi, e dei buoni costumi. L’inquietudine dell’uomo è tale che solo può placarla il mistero meraviglioso del cristianesimo…».

Il generale Bertrand allora, rivolto all’Imperatore, disse: «…così andava a finire che egli [Napoleone] sarebbe diventato devoto…». L’Imperatore così replicò a Bertrand: «Temo invece che ciò non accada; voglia Dio che io muoia da buon cristiano! Secondo me l’incredulità non deriva dal capriccio, né dal libertinismo. L’uomo non deve dare niente per scontato, soprattutto a riguardo degli ultimi istanti della vita».

IL FASCINO DI GESU’

Napoleone era anche affascinato da Gesù. «La sua religione è un segreto di cui solo lui ha le chiavi, e proviene da un’intelligenza che certamente non è l’intelligenza dell’uomo. C’è un’originalità profonda che genera parole e massime sconosciute. Gesù non si appoggia ad alcuna delle nostre scienze; solo in lui si trovano i fatti e gli esempi della sua vita: non è un filosofo, perché procede attraverso miracoli, e fin dall’inizio i suoi seguaci erano anche i suoi adoratori, che egli persuade con un richiamo al cuore, e non con uno spiegamento sontuoso di logica. Perciò non ha bisogno di imporre ad alcuno studi preliminari, né conoscenze di alcun tipo: per lui la religione consiste nel credere».

IL “TRIONFO” DELL’ANIMA

Del resto, «tutti sappiamo che le scienze e la filosofia non servono in alcun modo per la nostra salvezza», e Gesù viene nel mondo «per rivelare solo i segreti del cielo, e le leggi dell’anima. Egli perciò si rivolge solo all’anima, e infatti nel Vangelo egli vi si richiama costantemente».

A lui, prosegue Napoleone, «l’anima basta, come egli basta all’anima: prima di lui, l’anima non era niente, poiché la materia e il tempo erano i padroni del mondo. Dopo di lui, tutto è stato riportato nel posto giusto, e la scienza e la filosofia sono state riportate al proprio ruolo secondario nel destino dell’uomo. Con lui, l’anima ha riconquistato la propria sovranità, e tutta l’impalcatura della speculazione filosofica crolla per la forza di una sola sua parola: la fede. Quale maestro, e quale parola sono stati capaci di operare questa rivoluzione!»

UN VIAGGIATORE AUDACE

Per l’imperatore nessuno mai, oltre a Gesù, ha insegnato con autorità la dottrina e la preghiera. «senza che alcuno possa contraddirlo! Primo, perché il Vangelo contiene la morale più pura; e poi, perché il dogma da lui predicato è la proclamazione della verità come essa esiste, ma in un modo che non può essere raggiunto né da ragionamento, né da mente umana. Chi sarebbe così demente da smentire un viaggiatore intrepido che narra le meraviglie delle cime innevate, che lui solo ha avuto l’audacia di visitare? Cristo è appunto il viaggiatore audace, e rispetto a lui si può rimanere scettici, ma non si può dire: Questo non può essere!»

LA LEZIONE DEL VANGELO

Nella storia, conclude Napoleano, «invano, ho cercato qualcuno paragonabile a Gesù, o una realtà qualsivoglia comparabile al Vangelo, senza trovare né l’uno né l’altra: né la natura, né la storia, né gli uomini hanno niente che possa essere posto al livello o sia comparabile a Gesù». Nel Vangelo «tutto è straordinario, e in esso tutto è al di fuori e al di sopra della mente umana». Neanche gli atei, chiosa, «hanno mai osato negare la sublimità del Vangelo, che ispira loro una venerazione obbligata! Quanta felicità procura il Vangelo nei credenti, e quanta ammirazione in tutti coloro che lo leggono e lo meditano! Tutte le parole vi sono suggellate e concordi come le pietre di una costruzione».

ACQUISTA QUI IL VOLUME

  • 1
  • 2
Tags:
diofedenapoleonerecensioni di librivangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni