Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Padre Amorth spiega cos’è il maleficio e come difendersi da esso

@DR
Condividi

Le preghiere da recitare quando credi di essere vittima di un maleficio

Padre Gabriele Amorth è un sacerdote cattolico italiano e un apprezzato esorcista della Diocesi di Roma (nonché uno dei più famosi al mondo). Ha 91 anni di età e 71mila esorcismi compiuti alle spalle.

Nel 1990, Padre Amorth ha fondato l’Associazione internazionale degli esorcisti, di cui è stato presidente dalla sua fondazione (a 75 anni) fino al 2000. Attualmente ne è presidente onorario.

Nel suo libro “Memorie di un esorcista –La mia vita in lotta contro Satana”, Padre Amorth ci racconta alcune delle sue esperienze più importanti nella sua lotta contro il male. In una sezione del libro spiega cos’è il maleficio e ci mostra le preghiere per contrastarlo.


LEGGI ANCHE: L’esorcista, una professione ad alto rischio spirituale


L’esorcista ha dichiarato: “Maleficio è fare del male per mezzo del demonio. Il maleficio può essere fatto in tanti modi diversi, ecco che abbiamo, la maledizione, il malocchio, la fattura, la legatura, il vodoo, la macumba, sono tutte forme diverse di malefici. I malefici sono di gran lunga la causa più frequente delle possessioni e dei mali procurati dal demonio: non meno del 90 per cento.

– Esistono i malefici a morte?

Sí, esiste il maleficio a morte, ho avuto a che fare con diversi di essi. Secondo me, il loro effetto non è assicurato, ma senza dubbio ci sono delle persone che tentano di lanciare dei malefici a morte. Con questo termine ci si riferisce a un maleficio molto grave. Ma un maleficio non può essere mortale, la vita è nelle mani di Dio.

Considerato tutto questo, è necessaria una vita piena di grazia, una buona confessione sacramentale, il digiuno e la preghiera continua.

Se si vive una vita secondo i precetti di Dio, cioè ci si accosta spesso a tutti i sacramenti e si è in uno stato di grazia, allora non c’è bisogno di temere i malefici, perché la grazia di Dio è molto più grande di qualsiasi opera del maligno.

Nella pagina successiva due preghiere da recitare quando credi di essere vittima di un maleficio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni