Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconStile di vita
line break icon

Ho trovato 20 euro per terra. Che faccio, li prendo?

Skitterphoto.com

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 22/08/16

Quest’estate, in vacanza, mio marito ha trovato per terra 20 euro e voleva tenerli per sé, non essendoci un portafoglio con documenti per poterli restituire al legittimo proprietario. Io invece sostenevo che quei soldi non erano suoi e gli ho consigliato di donarli in chiesa. Poi degli amici mi hanno detto che sono troppo scrupolosa e intransigente. Secondo lei hanno ragione?

Rita

Cara Rita, non si tratta di essere scrupolosi, ma di riparare al danno subìto da chi ha perduto quel denaro. Infatti, il dovere di chiunque trova dei soldi o altro è di restituire tutto al legittimo proprietario. Immaginiamo come ci sentiremmo noi se avessimo perso qualcosa e quale gioia proveremmo se qualcuno ce la riportasse indietro. E’ una applicazione della “regola d’oro” che ci ha insegnato Gesù: “Come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro” (Luca 6,31). Il principio della restituzione di quanto si è trovato ha pure un fondamento biblico: nel libro del Deuteronomio si comanda di rendere “l’asino, la veste e ogni altro oggetto che tuo fratello abbia perduto e che tu trovi. Non fingerai di non averli scorti” (22,3).

Se però è “assolutamente impossibile rinvenire il padrone, la roba trovata sia destinata alla beneficenza”. Così specificava il Catechismo del Concilio di Trento, che aggiungeva: “Chi non sente di dover restituire, si rivela capace di fare man bassa di tutto, se lo potesse”. Certo, 20 euro sembrano una sciocchezza. Ma a maggior ragione è più facie darli in beneficenza. Sarebbe anche un gesto simbolico di un rinnovamento della mentalità: dal tenere per sé al donare a chi è nel bisogno.

Tags:
denarorubarestile di vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni