Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconNews
line break icon

5 frasi che i cattolici dovrebbero smettere di dire

shutterstock

TOMMY TIGHE - pubblicato il 22/08/16

Alcune cose vanno dette, è chiaro. Altre cose vanno dette diversamente, oppure totalmente rimosse dal nostro lessico

Nei social media i cattolici sbandierano alcune frasi con una regolarità che definirei atroce.

Non mi riferisco a formule liturgiche o a citazioni di encicliche papali, ma a frasi coniate da laici (ben intenzionati, per carità) che a molti di noi fanno mettere le mani ai capelli.

Mi sono preso un po’ di tempo per scandagliare Twitter in cerca di quelle espressioni cattoliche che meriterebbero di essere (dialetticamente) “fatte fuori”. Ne è uscita una lista delle cinque frasi che, secondo me, ogni cattolico dovrebbe rimuovere dal proprio lessico quotidiano:


LEGGI ANCHE: I Dieci Comandamenti per gli utenti di Facebook


1. “La modestia è sexy”

hero-apple-temptation-leaves-dress-hands-lia-koltyrina-shutterstock_300073181

Quello del pudore è un tema scottante. Dalle gonne che arrivano alle ginocchia, fino al velo muliebre a Messa, c’è una forte (e spesso positiva) pressione affinché le donne cattoliche riconoscano che il loro valore e la loro dignità non sono basate sulla capacità di farsi guardare dagli uomini.

In alcuni ambienti cattolici è però diventata di moda la frase “la modestia è sexy” (che ricalca l’inglese “modest is hottest”, ndt), e non se ne può più. Nulla da ridire sull’idea di fondo, cioè che il pudore non sia soltanto suggerito dalla nostra fede ma che sia anche apprezzato dagli uomini della nostra società (sembra un controsenso, ma non lo è). Ma la frase in sé fa crollare tutto quanto detto sinora. Vestire in modo equilibrato non ha a che vedere con l’essere “più sensuali”, bensì con la consapevolezza di essere fatti a immagine e somiglianza di Dio e con il desiderio di avere un aspetto coerente con tale consapevolezza.

Dire che le donne che vestono con modestia siano “sexy” non equivale soltanto a mettere enfasi sul modo distruttivo in cui la nostra società vede il valore della donna, ma suggerisce anche che la mercificazione del corpo sia lecita fintanto che le ginocchia siano coperte.


LEGGI ANCHE: La modestia non si limita al fatto di indossare i vestiti giusti 


2. “Mentalità contraccettiva”

web-married-couple-happy-laugh-young-shutterstock_367776410-roman-samborskyi-ai
Shutterstock / Roman Samborskyi

Non c’è niente di peggio di far sentire in colpa le coppie sposate che cercano di vivere secondo gli insegnamenti della Chiesa sull’amore coniugale e sulla contraccezione.

Immaginate che, dopo anni di uso di contraccettivi, abbiate finalmente scoperto la verità degli insegnamenti della Chiesa, e che abbiate deciso di assumervi il difficile compito della genitorialità responsabile tramite pianificazione familiare naturale. Adesso pensate di dover spiegare, a chi segue lo stesso metodo, di quanto possa essere difficile astenervi durante i periodi fertili per rimandare una gravidanza alla quale non vi sentite ancora pronti, e sentirvi rispondere candidamente che usate la PFN con una mentalità contraccettiva.

Di nuovo, l’obiettivo della frase può essere anche condivisibile, ma il modo in cui è espresso non fa che angosciare chi fa del suo meglio per essere un buon cattolico.

È chiaro che si debba evitare una gravidanza tramite pianificazione familiare naturale in modo che si abbiano abbastanza soldi per comprare una barca o per fare una vacanza di lusso. Ma io non ho mai conosciuto nessuno che abbia agito così.

La PFN non è semplice. Usare i contraccettivi lo è. Eppure molti di noi la seguono, perché sappiamo che è giusta, sappiamo che ciò che dice la Chiesa sull’amore incondizionato tra coniugi ha senso.

L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è che qualcuno sentenzi che “non abbiamo l’approccio giusto” e che ci accusi di essere come degli ubriaconi che non riescono a smettere di bere, nonostante siano in riabilitazione.

  • 1
  • 2
Tags:
castitàconcilio vaticano iipianificazione familiare naturalesenso di colpa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni