Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: “La vita non è un videogioco o una telenovela”

public domain

angelus 100814

Giacomo Galeazzi - Vatican Insider - pubblicato il 22/08/16

All’Angleus appello del Pontefice ad uscire dagli egoismi e dalle chiusure.

Francesco prega per la “cara Turchia” ieri nuovamente bersagliata dal terrorismo. È salito, infatti, a 50 morti e 94 feriti il bilancio dell’attentato che ha avuto luogo durante un ricevimento di nozze a Gaziantep, al confine con la Siria. «Mi ha raggiunto la triste notizia dell’attentato sanguinario che ha colpito la cara Turchia, preghiamo per le vittime e i feriti, e per il dono della pace a tutti», afferma il Papa all’Angelus, affiancando temi geopolitici alla sollecitudine pastorale per la condizione attuale dell’umanità insidiata da atteggiamenti mondani e cattive abitudini. «La vita non è un videogioco o una telenovela, il Signore ci offre tante occasioni per salvarci». Quindi l’appello di Jorge Mario Bergoglio ad «uscire dagli egoismi e dalle chiusure».

Mentre i temi dell’accoglienza dei rifugiati e i conflitti in Medio Oriente monopolizzano le agende delle cancellerie occidentali e degli organismi internazionali, all’Angelus il Papa evidenzia che «Dio non fa preferenze, la sua porta è aperta a tutti». E «la salvezza che Dio ci dona è un flusso incessante di misericordia che abbatte ogni barriera e apre sorprendenti prospettive di luce e di pace». La porta della salvezza di Dio, aggiunge il Pontefice commentando il Vangelo della domenica, è «una porta stretta non perché sia oppressiva, ma perché ci chiede di restringere e contenere il nostro orgoglio e la nostra paura, per aprirci con cuore umile e fiducioso a Lui, riconoscendoci peccatori, bisognosi del suo perdono». Infatti «la porta della misericordia di Dio è stretta me è spalancata, è sempre spalancata per tutti, Dio non fa preferenze, ma accoglie sempre tutti, senza distinzioni».

Francesco spiega ai fedeli accorsi come sempre numerosi ad ascoltarlo a piazza San Pietro che «la nostra vita non è un videogioco o una telenovela, la nostra vita è seria e l’obiettivo da raggiungere è importante: la salvezza eterna». Il Pontefice richiama le parole di Gesù riportate nel Vangelo di Luca: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno». Poi il Papa invoca Maria: «Chiediamo di aiutarci a cogliere le occasioni che il Signore ci offre per varcare la porta della fede ed entrare così in una strada larga: è la strada della salvezza capace di accogliere tutti coloro che si lasciano coinvolgere dall’amore». Dunque «è l’amore che salva, l’amore che già sulla terra è fonte di beatitudine di quanti, nella mitezza, nella pazienza e nella giustizia, si dimenticano di sé e si donano agli altri, specialmente ai più deboli».

Infine un saluto a un gruppo di motociclisti del Polesine. Il Pontefice, come di consueto e prima di augurare una preghiera per sé e il buon pranzo ai fedeli, ha salutato i gruppi presenti in piazza San Pietro. E cioè «i pellegrini romani e quelli provenienti da vari Paesi, in particolare i fedeli di Kalisz (Polonia), Gondomar (Portogallo) e i nuovi seminaristi del Pontificio Collegio Nord Americano». Inoltre «l’associazione Santissimo Redentore di Manfredonia, i motociclisti del Polesine, i fedeli di Delianuova e quelli di Verona che sono giunti in pellegrinaggio a piedi». E i giovani di Padulle, «venuti per un servizio alla mensa della Caritas di Roma».

Ciascun fedele torna a casa con un “mandato” papale. «Vi faccio una proposta- ha detto Bergoglio -. Pensiamo in silenzio per un attimo alle cose che ho dentro di me e impediscono di attraversare la porta: il mio orgoglio, la mia superbia, i miei peccati e poi pensiamo all’altra porta, quella spalancata dalla misericordia di Dio che dall’altra parte ci aspetta per dare il perdono. Questa porta è l’occasione». Perché poi a un certo punto il padrone di casa si alza e chiude la porta. «Ma se Dio è buono e ci ama, perché chiude la porta? Perché la nostra vita è seria ed entrando per la porta della fede e del Vangelo, potremo uscire dagli atteggiamenti mondani, dalle cattive abitudini, dagli egoismi e dalle chiusure».

Tags:
angeluspapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Van...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconf...
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anch...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni