Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 10 atleti olimpici che non hanno avuto paura di mostrare la loro fede

AFP PHOTO / FRANCK FIFE
Condividi

È stata una piacevole sorpresa vedere così tanti atleti dare testimonianza dei loro forti valori cristiani. Eccone alcuni

Ogni quattro anni, gli atleti che partecipano alle Olimpiadi hanno un’opportunità unica di ispirare il mondo con la loro forza fisica, con i loro movimenti coordinati e con la loro resistenza mentale. Quest’anno molti atleti hanno aggiunto un’altra qualità: la loro forte fede cristiana.

Ci sono stati articoli e interviste incentrati sulla sfera religiosa degli atleti, ma la cosa che mi ha sorpreso di più è che molti di loro hanno parlato e dato testimonianza persino nella televisione nazionale.

Hanno lavorato duramente per disciplinare i propri corpi con lo scopo di ricevere una medaglia d’oro. Ma non hanno trascurato le loro anime, che hanno anzi continuato a nutrire spiritualmente.

Ecco dieci atleti che quest’anno hanno preso posizione sulla loro fede e che non hanno avuto paura di darne testimonianza di fronte agli altri.

RIO DE JANEIRO, BRASILE - 8 agosto: Le medaglie d'argento David Boudia e Steele Johnson (USA) posano durante la cerimonia di consegna delle medaglie per la Piattaforma 10m sincro maschile, durante il 3° giorno dei Giochi Olimpici Rio 2016 presso il Maria Lenk Aquatics Centre. (Foto di Laurence Griffiths/Getty Images)
RIO DE JANEIRO, BRASILE – 8 agosto: Le medaglie d’argento David Boudia e Steele Johnson (USA) posano durante la cerimonia di consegna delle medaglie per la piattaforma 10m sincro maschile, durante il 3° giorno dei Giochi Olimpici Rio 2016 presso il Maria Lenk Aquatics Centre. (Foto di Laurence Griffiths/Getty Images)

David Boudia e Steele Johnson – Dopo aver vinto una medaglia d’argento nella piattaforma 10m sincro maschile, hanno dichiarato in un’intervista: “C’era molta pressione. L’ho percepita… è stata come una crisi di identità. Quando la mia mente è rivolta ai tuffi, e penso che è questo ciò che mi identifica, impazzisco. Ma sappiamo entrambi che la nostra identità è in Cristo, e siamo grati per questa opportunità di poter fare tuffi davanti al Brasile e agli Stati Uniti. È stato un momento elettrizzante per noi”. Boudia raccontato il suo percorso di fede nel libro “Greater Than Gold: From Olympic Heartbreak to Ultimate Redemption.”


Simone Manuel prende parte alle semifinali dei 50m stile libero femminile presso l'Olympic Aquatics Stadium di Rio de Janeiro, il 12 agosto 2016. / AFP PHOTO / GABRIEL BOUYS
Simone Manuel prende parte alle semifinali dei 50m stile libero femminile presso l’Olympic Aquatics Stadium di Rio de Janeiro, il 12 agosto 2016. / AFP PHOTO / GABRIEL BOUYS

Simone Manuel – Immediatamente dopo l’estenuante gara dei 50m stile libero femminile, Manuel è stata intervistata dalla NBC e, trattenendo a stento le lacrime, ha detto: “Tutto quello che posso dire è ‘Tutta la gloria sia a Dio’. È stato un viaggio lunghissimo, in questi ultimi quattro anni… e mi sento davvero benedetta per questa medaglia d’oro”. Manuel non ha paura di condividere la sua fede cristiana anche sui social media, citando “Filippesi 4:13” nelle bio su Twitter e Instagram e scrivendo ai suoi follower: “Tutta la gloria sia a Dio! Non è Lui meraviglioso? Sono estremamente benedetta”.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.