Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il toccante tributo ai caduti della sua città da parte di un rapper di Dallas

Condividi

“Non voglio schierarmi, semplicemente sostengo l'unità, l'amore e la riconciliazione”, ha dichiarato Moses Uvere, intervistato daCecilia

“Non voglio schierarmi, semplicemente sostengo l’unità, l’amore e la riconciliazione”

Quando ho ricevuto via mail l’ultimo video musicale del rapper Moses Uvere, “We Get Up”, ne sono rimasta affascinata. Il video dell’artista di Dallas è un toccante tributo ai poliziotti caduti della sua città.

Volevo saperne di più. Roma è lontanissima dal Texas. Che atmosfera si respira adesso a Dallas? Cosa vuol dire essere afroamericani in quella comunità? Dopo così tanta violenza – sia da parte della polizia, che nei suoi confronti – come possiamo sanare le ferite? Dove stiamo andando? Che direzione sta prendendo il movimento Black Lives Matters? E cosa ne pensa questo artista?

Ho quindi scritto a Moses Uvere, e gli ho posto le stesse domande. La sua prima risposta è stata, in sostanza: “Non voglio schierarmi, semplicemente sostengo l’unità, l’amore e la riconciliazione”.

La tensione razziale è palpabile. C’è corruzione ed abuso di potere, sia nelle forze di polizia che nello stesso movimento Black Lives Matter. Ma c’è anche tanto bene. “Il video mostra la realtà di entrambe le parti”, ha spiegato Uvere. “Il mio obiettivo è quello di portare speranza e comprensione. Sono fiero di poter dire che è quello che abbiamo fatto”.

Dove stiamo andando?

“Il messaggio che ho per chi è nel dolore”; ha risposto Uvere, “è che dobbiamo prenderci del tempo, come popolo, per conoscere meglio chi è di un’altra etnia o ha un background diverso dal nostro. Se ci conoscessimo di più, elimineremmo le paure dell’ignoto che abbiamo l’uno con l’altro. Questo è uno dei motivi principali delle reazioni a cui stiamo assistendo.

Ci è stato dato il supremo comandamento di amare Dio e il nostro prossimo. Ed è davvero difficile amare qualcuno che non si conosce. Quindi andiamo a conoscere gente! Ti lancio una sfida: pensa ai tuoi amici e a chi ti circonda. Se tutti assomigliano a te, parlano come te e agiscono come te, allora abbiamo un problema. Conosci altre persone, scopri perché persone diverse agiscono in modo diverso. Sarebbe un grande passo avanti verso la guarigione”.

Potete trovare “We Get Up” e altra musica di Moses Uvere su iTunes. E non dimenticate che il 26 agosto uscirà il nuovo album Kingdom of the Fallen.

Per restare aggiornati suoi vostri artisti preferiti e per scoprire nuova musica ogni giorno, seguite Cecilia su Facebook.

Libby Reichert

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni