Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconChiesa
line break icon

Cari cattolici, attenzione a dove vi portano le discussioni contro l’Islam

Fabrizio Di Nucci / NurPhoto

Thousands of Muslims gathered to protest against Islamic terrorism shouting "Not in my name" on November 21 2015, Milan. (Photo by Fabrizio Di Nucci/NurPhoto)

Tom Hoopes - pubblicato il 17/08/16

I cattolici sono molto meno violenti dei musulmani... se l'aborto non è violento

Sono passate tre settimane dall’ultima fatidica intervista rilasciata in aereo da Papa Francesco. In essa equiparava il terrorismo islamico con la violenza domestica nei paesi cattolici e di certo la lettura del contesto non aiuta.

Sembra avvalorare tutti gli appunti fatti dalla sinistra anti-cattolica. Dice: “Ci sono cattolici violenti!”, poi parla in maniera non chiara di “fondamentalisti” prima di utilizzare una bizzarra analogia per spiegare la violenza nella religione: “È come una macedonia di frutta; c’è di tutto”.

Il suo argomento sembra forzato, nella migliore delle ipotesi.

Cattolici che io rispetto profondamente affermano che le parole del Papa siano sbagliate. Dopo tutto, i cattolici non commettono atti di violenza domestica nel nome di Gesù. Le parole del Papa danno alla gente un falso senso di sicurezza, dicono, e questo è pericoloso. Perché?

Primo: perché l’opinione pubblica musulmana dovrebbe preoccuparci. Mentre è vero che solo un piccolo numero di musulmani commette effettivamente atti di terrorismo, sappiamo che un gran numero di musulmani pensa che questa violenza è in qualche modo giustificabile.

Secondo: perché i piani dei musulmani dovrebbero preoccuparci. Altrimenti perché musulmani non violenti sono tolleranti rispetto al terrorismo? Perché vogliono rendere islamico il mondo occidentale.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
abortocristianofobiaisisislammusulmanipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni