Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

ESCLUSIVA. La straordinaria avventura di padre Federico Lombardi, fedele collaboratore di tre papi

Condividi

Dopo 10 anni da portavoce della Santa Sede, e 26 anni alla guida della Radio Vaticana, il sacerdote gesuita traccia un bilancio del lavoro svolto

E’ l’essere molto sincero, libero, aperto di un pastore che incontra il popolo di Dio e che incontra gli uomini e le donne di oggi senza barriere, con una capacità di rivolgersi al cuore e alla mente di ognuno.

Tutto questo attira una gratitudine molto profonda da parte di persone che sentono il bisogno di avere una testimonianza, un messaggio, una presenza che manifesti chiaramente attenzione, amore, solidarietà in particolare per quelli che sono poveri, che soffrono e che si sentono ai margini della società, e che si sono sentiti accolti, cercati, rispettati, con tanti piccoli gesti, con tante parole da parte di Papa Francesco.

Ecco, quindi, questo rapporto diretto, questo linguaggio molto concreto, che poi non avendo molte lingue diverse da utilizzare ha un linguaggio dei gesti e dell’atteggiamento che passa con estrema facilità al cuore di popoli diversi dell’Asia, dell’Africa, dell’America Latina dove è a casa e dell’Europa.

L’atteggiamento di Papa Francesco con cui mi sono sentito in sintonia e che mi sembri caratterizzi questo pontificato è quello della fiducia della conduzione da parte dello spirito Santo della Chiesa di Dio: di una chiesa in cammino, di una chiesa in uscita. Una Chiesa che si mette in cammino anche senza sapere esattamente dove deve andare. Si sa che si è condotti dallo spirito del Signore se si è continuamente attenti ad ascoltarne la Parola perché egli ci accompagna con la parola che è nella scrittura, con la vicinanza viva dello spirito ai credenti che cercano ogni giorno di leggere di capire la volontà di Dio e la sua chiamata. Ecco, quello di essere una chiesa in cammino, coraggiosa e fiduciosa mi sembra uno degli spiriti di questo pontificato di cui mi sono sentito molto in sintonia.

Una parola classica anche per la spiritualità dei gesuiti è quella del discernimento. Vediamo come Papa Francesco inviti la Chiesa, i pastori, i singoli a discernere, cioè a cercare di capire qual è la volontà di Dio per loro, a cui rispondere con generosità.

Il 29 agosto lei compie 74 anni. Un intera vita al servizio della Chiesa, in particolare della Santa Sede. Cosa consiglia ai cattolici scoraggiati, o delusi dagli scandali provocati dai pastori o figli della Chiesa?

Padre Lombardi: Il credente è un pellegrino, una persona in cammino nel mondo, nella vita, e può camminare con fiducia, con tranquillità con gioia, con coraggio, se sa che il Signore lo accompagna, se cerca di orientare la sua vita sulla chiamata che è all’origine della sua vita stessa, al servizio, alla solidarietà con gli altri, all’incontro con gli altri, in particolare con Gesù Cristo che per noi è la guida di tutti gli altri incontri.

In questo senso, uno dei Padri della Chiesa diceva una cosa molto bella: “Abramo andava sempre più sicuro perché non sapeva dove andava”. E’ un po’ paradossale, ma era sicuro perché si affidava e sentiva la presenza del Signore che lo accompagnava. Quello era il fondamento della sua sicurezza. Non sapere che c’era un obiettivo che lui si fosse personalmente stabilito da raggiungere, quello non avrebbe potuto dargli alcuna sicurezza. La sicurezza, la tranquillità che noi abbiamo dalla nostra vita dipende dal saperci in cammino con il Signore che ci accompagna. Questo a tutte le età della vita.

Questo è l’unico consiglio che posso e che mi sembra fondamentale per non avere paura di quello che ci sta attorno, delle situazioni in cui ci troviamo. Se sappiamo che il Signore ci accompagna, possiamo mettere su di Lui la nostra fiducia e non c’è scoraggiamento che tenga, dobbiamo solo avere speranza.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.