Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

2 lezioni che ho imparato sulla maternità quando mio figlio non capiva la matematica

Shutterstock/Lapina-cc
Condividi

Non posso ricoprire tutti i ruoli di cui hanno bisogno i miei figli

Io e mia sorella Sarah stavamo chiacchierando al telefono, mentre con un occhio sorvegliavo i miei figli che nuotavano. E proprio parlando dei ragazzi, le confessai che il più grande, Patrick, era stato rimandato a matematica.

“Quest’anno gli è andata male”, le dissi. “Capisce al volo la maggior parte delle cose; ma, per quanto riguarda la matematica, Patrick sembra proprio non farcela. Non riesce a risolvere i problemi più complicati”.

Mentre le dicevo quelle cose, Sarah rimase in silenzio. Ma non a lungo. “Cosa vuol dire che è stato rimandato in matematica, Colleen? Patrick è un bravo studente. Gli hai fornito un tutor? Gli stai facendo fare dei corsi di ripetizione estivi? È inaccettabile”, replicò Sarah.

Sarah e suo marito Ted sono come dei secondi genitori per i miei sei figli. I successi dei miei figli li rendono entusiasti, e sono entrambi a terra quando vedono che uno dei miei figli ha qualcosa che non va. Quando Sarah venne a sapere del difficile rapporto tra Patrick e la matematica, la prese peggio di quanto mi aspettassi.


LEGGI ANCHE: 3 santi che probabilmente hanno avuto difficoltà di apprendimento


“Devi inserirlo in un programma di recupero estivo. Non può trovarsi indietro in matematica, è troppo importante. So che hai bisogno di aiuto, quindi non preoccuparti, gestirò io questo problema. Gli troverò un buon corso di recupero e farà esercizi ogni giorno. Se fa un buon lavoro gli pagherò il biglietto aereo per venirci a trovare quest’estate”.

Quella sera Sarah iscrisse Patrick alla Kahn Academy e mandò a suo nipote un’e-mail con gli argomenti che avrebbe studiato, promettendogli di pagargli il viaggio se avesse lavorato sodo.

Patrick fu entusiasta di quella prospettiva, e accettò immediatamente l’accordo. Io invece ero più che scettica sulla buona riuscita del piano di Sarah.

Ma avevo torto marcio.

Dall’inizio dell’estate, Patrick iniziò a mettere un timer ogni mattina, spendendo almeno un’ora sui problemi di matematica. Proprio lui – che era solito lanciare libri e quaderni in aria quando un problema non gli ridava, o quando semplicemente non aveva più voglia di fare esercizi – lavorò alacremente senza lamentarsi mai. Nonostante la sua atavica avversione per la matematica, dedicò l’intera estate a compiere quell’impresa titanica.

Voglio chiarire una cosa. Se io e mio marito avessimo deciso di dargli una ricompensa in denaro, non saremmo comunque riusciti a motivare Patrick a chinare la testa sui libri di matematica. Anzi, quasi tutti i nostri tentativi di insegnargli formule ed espressioni si rivelarono più che inefficaci.

Ma la promessa degli zii motivò Patrick a lavorare duramente.

Questa esperienza mi ha dato due lezioni sull’essere genitori, che non dimenticherò.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni