Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il dolore mi ha lasciato una grande rabbia, e solo Dio può aiutarmi

Condividi

Questa esperienza mi ha mostrato quanto sbagliassi nel tentativo di aiutare gli altri a superare le loro perdite

Sono trascorsi dei mesi da quando l’uomo che ha rappresentato per me la figura paterna, mio zio, è morto. Ho imparato cose che non sapevo, che mi hanno fatto guardare indietro agli ultimi anni e capire quanto sbagliassi cercando di aiutare mio marito a superare le sue perdite, soprattutto quella della madre.

Il dolore è un oceano di emozioni, e nessuno se non Dio e Maria può solcare le onde con me.

Ho perso la mia migliore amica nove anni fa in un incidente automobilistico. Ho lenito il dolore di quella perdita con vodka e notti insonni. Pensavo che quell’esperienza mi avesse resa un’esperta di dolore, ma non era vero. Se perdere la mia migliore amica è stato scioccante e mi ha cambiato la vita, per la morte di mio zio non è stato così.

Ora ripenso con vergogna ai miei tentativi di consolare gli altri.

Dicevo spesso a mio marito cose del tipo “Siamo cattolici. Sappiamo che la morte non vince!” e altre cose sciocche – sciocche perché, anche se sono vere, non derivavano dalla compassione, ma dal desiderio di sorvolare sui suoi sentimenti, di metterci un cerotto. Non avevo idea del dolore che provasse.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni