Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

AFP PHOTO/ LAKRUWAN WANNIARACHCHI
Sri Lankan Christian devotees take part in the annual Way of the Cross ritual, which symbolises the final journey of Jesus Christ before he was crucified, during a Good Friday service in Colombo on April 18, 2014. Christians account for around six percent of Sri Lanka's 20 million population. AFP PHOTO/ LAKRUWAN WANNIARACHCHI
Condividi

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore

È questo il fondamento della missione, il compito che Gesù affida a Pietro e ai suoi compagni apostoli. Ciò significa che la fede cristiana dev’essere universale o cattolica.

Ogni cristiano nel mondo deve avere la stessa fede universale, la stessa fede cattolica, e questo è il volere di Cristo. Ciò vuol dire che questa fede cristiana dev’essere estesa sempre più, abbracciando tutti gli esseri umani di tutti i luoghi e di tutti i tempi fino alla fine dei giorni.

Rispondendo quindi alla domanda, non c’è alcuna differenza tra essere cattolico ed essere cristiano; sono termini che non si spiegano l’uno senza l’altro. È come se qualcuno dicesse: “Sono una persona e sono umano”.

Alcuni seguaci di Cristo, tuttavia, non appartengono alla Chiesa cattolica, e si identificano come “cristiani” ma non come cattolici. È il caso dei protestanti, degli ortodossi…

L’idea dell’universalità o cattolicità della Chiesa si concretizza solennemente nell’episodio della Pentecoste. Il termine “cattolico” è usato fin dai primi secoli in molti documenti patristici, essendo stato utilizzato per la prima volta per designare la religione cristiana da Sant’Ignazio di Antiochia (discepolo di San Giovanni, a sua volta discepolo di Cristo) all’inizio del II secolo in una delle sue lettere ai cristiani di Smirne.

Cosa significa essere cristiano? Essere cristiano non è semplicemente fare il bene ed evitare il male, credere in Dio, rispettare dei riti determinati, accettare delle verità di fede, seguire una tradizione o prepararsi per l’altra vita. Essere cristiani o seguire Gesù presuppone soprattutto il fatto di riconoscere Gesù come Signore, accettare il suo progetto, portare avanti il suo stile evangelico, far parte della sua comunità (di una comunità), vivere sotto la forza dello Spirito.

Quando si inizia ad essere cristiani? Una persona inizia ad essere cristiana il giorno in cui viene battezzata, perché a partire da quel momento inizia ad essere figlia di Dio, facendo parte del nuovo popolo di Dio. Il Battesimo, quindi, ci rende fratelli di Gesù Cristo. Che grande onore e che orgoglio!

Il cristiano cattolico accetta la pienezza della fede rivelata da Cristo e contenuta nelle Sacre Scritture, nel Magistero della Chiesa cattolica e nella Tradizione, partecipa ai sacramenti e riconosce l’autorità del papa (successore di San Pietro) e dei vescovi uniti al Santo Padre (successori degli altri apostoli).

Gesù ha formato con i suoi discepoli un gruppo, i Dodici, a cui poi si sono aggiunti uomini e donne fino a costituire una comunità: la comunità di Gesù (Lc 8,1-3). Con questa comunità, Gesù vuole rispondere al progetto di Dio di formare un popolo perché fosse origine e fermento del Regno di Dio.

Il popolo di Israele nell’Antico Testamento era seme e figura del nuovo Popolo di Dio, la Chiesa. La Chiesa è il corpo visibile di Gesù nella storia (1 Cor 12), e continua ad aiutarlo a concretizzare il suo progetto.

La Chiesa prolunga nella storia il gruppo di discepoli di Gesù ed è la comunità che porta avanti la missione di Gesù in questo mondo. I suoi apostoli di oggi (il papa e i vescovi) la guidano in questa missione, estendendo la funzione di Pietro e degli apostoli (Mt 16,18-19).

La Chiesa fondata da Cristo è una, santa, cattolica e apostolica. Queste quattro caratteristiche, tratte dalla professione di fede dei Concili di Nicea e Costantinopoli, mostrano i quattro aspetti fondamentali della Chiesa: la sua unità, la sua santità, la sua universalità e il suo fondamento o base apostolica (discepoli che hanno visto e toccato Cristo).

Solo la Chiesa “cattolica” contiene queste quattro caratteristiche.

Ogni cattolico è, in modo reale e oggettivo, a pieno titolo cristiano; detto in altri termini, essere cattolici è essere cristiani. In senso stretto, cristiano è chiunque creda in Cristo.

Noi cattolici di oggi continuiamo a credere in ciò in cui hanno creduto i nostri fratelli fin dalle origini della Chiesa, venti secoli fa.

Ma perché la Chiesa si deve chiamare cattolica, se è un termine che non esiste esplicitamente nella Bibbia?

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.