Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 17 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconNews
line break icon

La decisione di questa 14enne è un suicidio assistito o una scelta naturale?

Jerika Bolen/Facebook

Elizabeth Scalia - pubblicato il 05/08/16

Jerika Bolen vuol staccare il respiratore. Il suo destino riguarda tutti noi

Non ha mai camminato e può utilizzare solo le mani. Nei “giorni buoni”, il suo livello di dolore è 7 su 10. Anche se ha una famiglia unita e viene assistita a livello infermieristico, ha deciso di averne abbastanza. Dopo un’estate di divertimento che include un periodo presso il campo estivo per malati di distrofia muscolare e un ballo di fine anno, il desiderio di Jerika Bolen è entrare in un hospice, scollegare il ventilatore che attualmente deve usare 12 ore al giorno per rimanere in vita e aspettare di morire.

Jerika Bolen ha 14 anni. Per alcuni è diventata il nuovo volto del movimento a favore del suicidio assistito, che in alcuni Paesi afferma che se si ha una malattia molto grave e si soffre moltissimo si dovrebbe avere la possibilità di scegliere le circostanze della propria morte, in altri ritiene che anche essere depressi sia un buon motivo per scegliere di morire.

Jerika non è depressa, e la sua vita non è priva di amore e amicizie: al contrario, la ragazza è molto amata da amici e familiari. Soffre molto, però, e la sua è una condizione degenerativa; anche se non ci sono stati forniti tutti i dettagli medici del caso, ci è stato detto che alla fine non riuscirà più a parlare e che il tempo in cui deve stare attaccata al ventilatore aumenterà fino a quando non ne avrà bisogno per tutta la giornata. Sta morendo, ma la sua è una morte lenta.

LEGGI ANCHE: Dopo il buon compleanno a suo marito praticherà l’eutanasia

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
doloremalattiamortepapa pio xiisuicidio assistito
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
7
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni