Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconStorie
line break icon

Lo straordinario testamento di un sacerdote che sapeva di diventare martire

© Public Domain

Catholic Link - pubblicato il 02/08/16

Leggendo questo testamento, che lo abbiate già fatto o lo facciate per la prima volta, vi invitiamo a chiedervi cosa Dio stia dicendo direttamente a voi attraverso questo testo.

Il testamento di Christian de Chergé

Se un giorno dovesse succedermi – e potrebbe essere oggi – di diventare una vittima del terrorismo che ora sembra pronto a colpire tutti gli stranieri che vivono in Algeria, vorrei che i membri della mia comunità, la mia Chiesa, la mia famiglia, ricordassero che la mia vita è stata donata a Dio e a questo Paese. Chiedo loro di accettare che l’Unico Signore della vita non è stato estraneo a questa brutale dipartita. Chiedo loro di pregare per me, perché come potrei essere ritenuto degno di un’offerta simile? Chiedo loro di poter associare questa morte alle molte altre altrettanto violente ma dimenticate nell’indifferenza e nell’anonimato. La mia vita non vale più delle altre, né meno. In ogni caso, non ha l’innocenza dell’infanzia. Ho vissuto abbastanza per sapere che condivido il male che sembra prevalere nel mondo, anche quello che potrebbe colpirmi alla cieca. Quando arriverà il momento, vorrei avere uno spazio chiaro che mi possa permettere di implorare il perdono di Dio e di tutti gli altri esseri umani, e allo stesso tempo di perdonare con tutto il cuore chi mi ucciderà. Non potrei desiderare una morte simile. Mi sembra importante dirlo. Non vedo, infatti, come potrei rallegrarmi se questa gente che amo dovesse essere accusata indiscriminatamente del mio omicidio. Sarebbe un prezzo troppo alto per quella che forse verrà chiamata “la grazia del martirio” attribuirlo a un algerino, chiunque sia, soprattutto se dice di agire in fedeltà a quello che ritiene sia l’islam. Conosco il disprezzo che può essere provato nei confronti degli algerini in generale. Conosco anche la caricatura dell’islam incoraggiata da un certo tipo di islamismo. È troppo facile mettersi a posto la coscienza identificando questa via religiosa con le ideologie fondamentaliste degli estremisti. Per me, l’Algeria e l’islam sono qualcosa di diverso; sono un corpo e un’anima. L’ho detto abbastanza spesso, credo, nella sicura consapevolezza di quello che ho ricevuto in Algeria, nel rispetto dei credenti musulmani – trovare qui tanto spesso quell’elemento del Vangelo che ho imparato sulle ginocchia di mia madre, la mia prima vera Chiesa. La mia morte, ovviamente, sembrerà giustificare chi mi ha giudicato frettolosamente ingenuo o idealistico – “Ci dica ora cosa ne pensa!” -, ma queste persone devono capire che la mia più grande curiosità sarà allora soddisfatta. È quello che riuscirò a fare, se Dio vuole – immergere il mio sguardo in quello del Padre; contemplare con lui i suoi figli dell’islam come li vede, tutti splendenti della gloria di Cristo, il frutto della sua Passione, pieni del dono dello Spirito, la cui gioia segreta sarà sempre stabilire la comunione e rimodellare la somiglianza, gioendo nelle differenze. Per questa vita offerta, totalmente mia e totalmente loro, ringrazio Dio, che sembra aver desiderato tutto questo per il bene di quella gioia in tutto e nonostante tutto. In questo “Grazie” pronunciato per tutto nella mia vita da questo momento in poi, includo sicuramente voi, amici di ieri e di oggi, e voi miei amici di questo luogo, insieme a mia madre e a mio padre, ai miei fratelli e alle mie sorelle e alle loro famiglie – il centuplo garantito come promesso! E anche te, amico del mio momento finale, che forse non sai cosa stai facendo. Sì, dico questo “Grazie” – e questo adieu – anche a te, per affidarti al Dio il cui volto vedo nel tuo. Spero che potremo ritrovarci come felici “buoni ladroni” in Paradiso, se così vorrà Dio, Padre di entrambi. Amen.

Ruth Baker ha 25 anni ed è inglese. Ama correre, fare campeggio e scrivere. Attualmente studia Scrittura Creativa all’università. La sua fede significa tutto per lei.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE SU CATHOLIC LINK

  • 1
  • 2
Tags:
dialogo islamo cristianomartiri missionari
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni