Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconSpiritualità
line break icon

Essere cattolici non fa schifo

Tom Hoopes - pubblicato il 01/08/16

Ma non sono gli unici che Gesù ascolta. Ascolta anche persone come te e me.

Mi piace la storia dell’esorcismo nel Vangelo di Marco, in cui Gesù perde il controllo perché è disgustato dai credenti che mancano di fede.

I discepoli stanno fallendo miseramente nell’aiutare un ragazzo posseduto, e Gesù dice: “O generazione incredula! Fino a quando starò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo da me”.

Se ti infastidisce che la gente sembri pensare a Gesù come a un amico immaginario magico, allora leggi lì. Lui è reale. Ci irritiamo per le Messe o le preghiere noiose, e lui si irrita per la nostra noiosa e inutile mancanza di fede. E non finisce qui.

Il padre del ragazzo dice a Gesù: “Se tu puoi qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci”.

“Se tu puoi!”, ripete Gesù irritato. “Tutto è possibile per chi crede”.

E allora il padre del ragazzo pronuncia quella che è una delle mie preghiere preferite, che ti raccomando caldamente: “Credo, aiutami nella mia incredulità”.

La recito spesso, e quando lo faccio sono consapevole del fatto che mi inserisce nel campo dei fedeli che tremano davanti ai demoni, non di quelli che li fanno tremare. Mi va bene, perché Gesù risponde alla preghiera di questo padre come risponde alle loro.

E non è l’unica preghiera che prendo in prestito dai seguaci dei Vangeli sfidati dalla fede. Dico anche: “Gesù, salvaci o moriremo” quando sembra che mi stia facendo volare via. Aggiungo perfino: “Maestro, non ti importa che affondiamo?”

Uso anche la preghiera che Gesù ha raccomandato personalmente a noi che non siamo religiosi come tanti altri: “Signore, abbi pietà di me peccatore”.

In secondo luogo, gli chiedo di smettere di camminare davanti a me, di fermarsi e voltarsi.

Questo mi ricorda il mio passo evangelico preferito: la donna che soffriva di emorragia. Mi piace soprattutto la versione di Marco.

Gesù sta andando a un appuntamento molto importante: sta andando A) a risuscitare una bambina dai morti, B) a farlo per Giairo, un funzionario importante, e C) a farlo davanti alla folla.

Sta andando da una persona entusiasta della sua religione per fare qualcosa che cambierà il suo personaggio pubblico. Ma una persona sfidata dalla fede come te e me lo interrompe.

All’inizio la donna non riesce nemmeno a pregare Gesù. Riesce solo a dire tra sé e sé: “Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello sarò guarita”.

La sua fede è intellettuale. Aveva “molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando”. Aveva provato tutti i mezzi del mondo e li aveva trovati vani. Era pronta a credere, anche solo per processo di eliminazione.

Gesù non le offre alcuna attenzione speciale. Non la guarda. La oltrepassa. Ma la fede intellettuale della donna è reale. Va verso di lui e rifiuta di farlo allontanare. Lui si ferma. Si volta. Funziona. Lei scopre che è reale, e che il suo contatto con lui – il suo contatto intenzionale e insistente – è reale. Lui si ferma e la vede – la incontra e la cambia.

Il che mi conduce a una terza strategia: non accettare una conversazione irreale.

Nel tuo post dici di aver sentito un consiglio dagli amici – “Agisci come se Gesù fosse il tuo migliore amico. Come parleresti al tuo migliore amico?” – e che il tuo problema è: “Riesco a vedere davvero il mio migliore amico, e lui può parlarmi. Non sto solo gridando nel vuoto”.

Buon istinto. Fare un soliloquio rivolgendosi a un migliore amico immaginario non è preghiera. È deludere se stessi.

Vorrei però suggerirti che la preghiera può essere più reale della tua discussione con il tuo migliore amico – e che è la tua discussione con il tuo migliore amico che è come gridare nel vuoto.

Ti stai specializzando in Inglese. Hai mai letto – o guardato – Our Town di Thornton Wilder?

Ricordi dopo la morte di Emily come, contro tutti i consigli degli altri morti, lei volesse tornare per rivivere un momento felice? Sceglie la mattina di un compleanno dell’infanzia che ricordava come uno dei momenti più felici della sua vita.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
fedegmg cracovia 2016incredulitàliturgia

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni