Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

“Sognate sempre! Guardate il cielo!”

Condividi

Suor Cristina, la vincitrice di The Voice, questa volta protagonista sul palco della GMG, si esibisce in una performance straordinaria e si racconta in un intervista esclusivissima a Cecilia!

L’ultimo giorno del festival Halleluya di cui Cecilia è stata partner ufficiale in questi indimenticabili giorni a Cracovia, abbiamo avuto la gioia di poter conoscere personalmente suor Cristina. Ecco l’intervista esclusiva per Cecilia.

Suor Cristina, cosa ti spinge a vivere ogni giorno una realtà così diversa dalla tua? Secondo te questo significa essere una Chiesa che si apre al mondo? Un concetto più volte ripetuto da Papa Francesco…

Vivere una realtà diversa dalla mia non è altro che una missione. È proprio rispondere a questo invito di Papa Francesco ad uscire, ad avere coraggio, ad incontrare gli altri con i doni che il Signore ci ha dato. Allora io canto e dono agli altri il mio dono.

Come riesci a conciliare la vita religiosa con i numerosi impegni che hai?

Non faccio fatica, la mia vita comunitaria è normale, la mattina ci svegliamo alle 6 e preghiamo, poi c’è chi tra noi si dedica all’insegnamento e chi ad altro. Io ho il dono e la grazia di evangelizzare e mi capita di andare anche dall’altra parte del mondo, per me è una missione, quindi non si sdoppiano le due vite. Ho una sola vita, e riesco a far conciliare tutti gli impegni grazie anche al supporto della comunità e delle mie consorelle che mi sostengono e mi accompagnano facendomi sentire sempre il loro sostegno e la vita comunitaria che ho scelto di vivere.

Mettere i propri doni al servizio degli altri come hai fatto tu, è una grazia e un gesto di misericordia, cosa desideri aggiungere a questo messaggio per i giovani che ci stanno ascoltando?

Misericordia è un atto che apre la via all’amore, il fatto di mettere al servizio i propri doni non può che essere quell’atto che permette di mettersi al servizio degli altri quindi ad aprirsi all’amore. Si! Donarsi agli altri è un atto di misericordia. Ai giovani dico : non abbiate paura di amare! Amate anche quando è difficile, tante volte bisogna annullare se stessi, rendersi anche molto piccoli, l’egoismo vuole prevalere , ma non mollate mai! Amate sempre! Sognate sempre! Se un giovane non sogna c’è qualcosa che non va. Sognate nonostante le sfide della vita, sognate sempre! Guardate sempre il cielo!

Mirticeli Dias, inviata speciale a Cracovia.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni