Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Se la pianificazione naturale funziona, perché hai tutti quei figli?!

shutterstock_122059168

Robert Kneschke/Shutterstock

SIMCHA FISHER - pubblicato il 29/07/16


Se commettete un errore nei grafici, o se sapete che probabilmente siete fertili e decidete di fare sesso comunque, potete rimanere incinte quando in realtà non lo volete. E ci sono situazioni occasionali in cui si seguono tutte le regole per evitare una gravidanza e si rimane incinte comunque. Capita.

Ovviamente queste cose succedono anche alle coppie che usano la contraccezione. Alzi la mano chi conosce qualcuno che ha concepito pur usando il preservativo, la pillola o la spirale, o qualcuno che confida nella pillola ma un giorno l’ha saltata perché la vita è convulsa. Diamine, conosco coppie che hanno concepito anche dopo una vasectomia o un legamento delle tube.

E allora, se alcune coppie trovano la PFN semplice ed efficace, altre la ritengono difficile e imprevedibile, soprattutto all’inizio; e sì, possono avere gravidanze non pianificate perché la PFN è più difficile di quanto si aspettavano. La PFN è un approccio olistico alla vita, non solo una pillola da ingoiare. Ci sono benefici fisici, emotivi, spirituali e psicologici nell’abbracciare deliberatamente lo stile di vita PFN, ma la posta è alta. Lo è sempre negli atti d’amore, ma è molto più facile dimenticare questo fatto quando ci si rifugia dietro la contraccezione.

In breve, è complicato.

3. È molto meno probabile che le persone che usano la PFN abortiscano un bambino concepito “per errore”.

È quello di cui parlava Giovanni Paolo II quando ha coniato l’ormai abusata definizione “mentalità contraccettiva”. Intendeva che quando inseriamo la contraccezione tra due persone che si amano non stiamo abbracciando davvero l’amore, con le sue glorie e le sue croci, e quando tagliamo fuori l’amore irrompe la morte. Quando intere società abbracciano la contraccezione, l’aborto (e l’eutanasia, l’abuso di bambini, la pornografia, il traffico a scopo sessuale e qualsiasi altro modo di uccidere l’amore e usare le persone come oggetti) si insinua in quell’abbraccio.

Secondo Planned Parenthood, più della metà delle donne che hanno abortito negli Stati Uniti usava un contraccettivo il mese in cui è rimasta incinta. Se state usando dei contraccettivi perché sarebbe intollerabile avere un bambino, allora potreste non tollerare il fatto di dare alla luce un bambino che si presenta comunque. Potreste anche sentirvi spinte ad abortire per il bene del bambino stesso se avete concepito mentre prendevate un contraccettivo che aumenta il rischio di gravidanze ectopiche, infezioni pelviche o altri problemi. E ovviamente il vostro contraccettivo potrebbe provocare un aborto. Gli “oops” della PFN possono significare famiglie numerose, ma quelli della contraccezione possono significare bambini che vivranno molto poco.

Non intendo dire che le coppie che usano la contraccezione siano tutte a favore dell’aborto e abbiano una mentalità utilitaristica (so bene che non è così), e neanche dire che le coppie che usano la PFN abbracciano tutte le vita e sono composte da martiri che confidano in Dio (so che non siamo così). Intendo dire che se siete disposti a impegnarvi nella PFN probabilmente non ricorrerete all’aborto anche se il pensiero di una gravidanza vi fa venire voglia di scappare via gridando.

È complicato.

4. Ho già detto che è complicato?

La PFN non è un club vitalizio con una serie di leggi locali a cui giurate fedeltà nel momento in cui pronunciate il vostro “Sì”, e non è un sistema che userete necessariamente per tutto il periodo in cui sarete fertili.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
famigliafertilitàfiglipianificazione familiare naturale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni