Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconArte e Viaggi
line break icon

Se vi piace il canto gregoriano, amerete quello visigótico

commons.wikimedia.org

Daniel R. Esparza - pubblicato il 29/07/16

Questo tipo di canto risale a una tradizione orale precedente all'invasione araba

È più comunemente noto come “canto mozarabico”, ma questa definizione è per vari motivi errata. È quindi più opportuna definirla “liturgia ispanica”, come è stata anche chiamata.

Se è vero che i manoscritti che compongono il canone di questo tipo di canto liturgico sono tutti successivi all’invasione araba della penisola iberica, è vero anche che questi testi raccolgono una tradizione orale che lo stesso Sant’Isidoro di Siviglia aveva descritto nei suoi scritti sulla liturgia (De officiis ecclesiasticis).

Questa tradizione orale, nello specifico, ha due fonti: una, nel nord della Spagna, conosciuta come castigliano-leonesa; e un’altra, a sud della penisola, conosciuta come toledana, anche se molto probabilmente ha avuto origine a Siviglia, come sembra indicare la testimonianza di Sant’Isidoro.

Questi canti, secondo alcune fonti, hanno una forte influenza ebraica: a quanto pare, fino al quarto secolo, nella penisola iberica ebrei e cristiani hanno condiviso alcune pratiche liturgiche, come recitare i salmi e leggere i libri del Vecchio Testamento.

Da queste pratiche comuni potrebbero derivare alcune delle melodie che sentiamo in queste forme liturgiche monodiche.

Nel video, i canti visigotici-mozarabici dopo la “riforma” del vescovo Cisneros, che si incaricò nel 1495 di raccogliere e organizzare questi codici, convertendoli in un messale e un breviario.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
liturgiamusicastoria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni