Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

La paura in casa

FRANCE-ATTACK

VALERY HACHE / AFP

EDITORS NOTE: Graphic content / Police officers stand near a van, with its windscreen riddled with bullets, that ploughed into a crowd leaving a fireworks display in the French Riviera town of Nice on July 14, 2016. At least 60 people were killed when a truck ploughed into a crowd watching a Bastille Day fireworks display in the southern French resort of Nice, prosecutors said early on July 15. Nice prosecutor Jean-Michel Pretre said the truck drove two kilometres (1.3 miles) through a large crowd that was watching the fireworks. / AFP PHOTO / VALERY HACHE

Amparo Latre Gorbe - pubblicato il 28/07/16

I consigli degli psicologi su come affrontare con i figli l'argomento degli attentati terroristici

È senz’altro più complicato che aiutarli a ragionare su un problema o a capire perché per comprendere il presente è tanto importante conoscere il passato. Le domande che affrontiamo noi genitori dopo un attentato sono notevoli, ed è meglio essere preparati e giocarci il tutto per tutto nelle risposte che diamo loro perché in queste situazioni le loro “trappole” lasciano il segno.

Se succede come questa settimana, quando fa quasi paura accendere la radio al mattino, le cose si complicano all’estremo.

In queste tragedie è chiaro chi ha la peggio, ma anche i nostri figli che vedono interrotta la propria routine o le loro vacanze da queste notizie tanto violente sono delle vittime. Vittime di una società sempre più tollerante nei confronti dell’orrore, con storie che finiscono per conoscere e che non sempre sanno inserire nella loro logica e nella loro psicologia.

Gli esperti affermano che la cosa più importante è che la paura (emozione necessaria per gestire la nostra esposizione al pericolo) non diventi panico e che noi genitori riusciamo a trasmettere fiducia. Anche se in alcuni momenti gradirei da parte degli “esperti” un po’ più di concretezza su come mettere in pratica tutto questo, in fondo so che ogni genitore deve trovare il suo modo particolare di arrivare al cuore del proprio figlio, che come ogni persona racchiude una parte di mistero.

Nel caso in cui possano essere utili a qualcuno, riassumo qualcuno degli orientamenti che danno gli psicologi al momento di parlare di questo tema con i nostri figli:

  • Se teniamo conto delle età, è sconsigliato che i minori di 7 anni accedano alle immagini degli attentati. Un’altra opzione è spiegare la situazione come se fosse un racconto, in chiave di buoni e cattivi, visto che a quell’età è tutto bianco o nero.
  • A partire dai dieci anni dovremo cercare spiegazioni un po’ più complesse, visto che a quell’età la mente è ancora infantile ma richiede più dati. Possiamo, ad esempio, essere più espliciti sul modo di combattere il terrorismo.
  • Nel caso degli adolescenti, oltre a evitare il panico e le ossessioni conviene evitare l’ira, assai caratteristica di quell’età.

La mia esperienza come madre mi dice che è estremamente complicato trasmettere fiducia o fede nel fatto che tutto andrà bene a un bambino spaventato da un attentato. Le ragioni sono un “cerotto” temporale, perché parliamo di emozioni, e su questo non si lavora solo mettendo sul tavolo una manciata di buone argomentazioni.

Mostrare loro le telecamere di sicurezza della zona in cui viviamo o parlare con un poliziotto amico perché ci racconti come lavora sazia la sua curiosità, ma non calma il suo cuore. Forse tranquillizza noi?

Quello che succede è che purtroppo “ci abbiamo fatto il callo” e abbiamo il cuore indurito. Per fortuna loro no. Per questo, in questi casi la cosa migliore è abbracciarci stretti senza tralasciare le spiegazioni.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:5 consigli per dominare la paura e l’ansia

Tags:
attentatobambinieducazionepanicopauraviolenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.