Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconStorie
line break icon

Nel 2000 era alla GMG di Roma. La sua storia potrebbe essere l’inizio della vostra vocazione

Marinella Bandini - Aleteia - pubblicato il 27/07/16

Sono i “millennials” della fede. Il futuro della Chiesa passa anche da loro, dalla “generazione Gmg”, dai tanti giovani il cui cuore è stato toccato per sempre mentre partecipavano insieme a decine di migliaia di loro coetanei agli incontri con il Papa in tutto il mondo. Una felice intuizione di Giovanni Paolo II, un filo rosso che è partito da Roma per toccare diversi paesi e continenti: Buenos Aires, Santiago, Czestochowa, Stati Uniti, Filippine, Canada, Sydney, Rio de Janeiro. “La Giornata mondiale della gioventù non è una vacanza come le altre, per andare a visitare un’altra città del mondo. È davvero l’incontro con Gesù, con il suo amore, con la sua misericordia”. A parlare è una di loro, Antoniana Maria, oggi suora dell’Istituto religioso femminile “Sisters of life”. Era a Roma nel 2000, la Gmg del Grande Giubileo, una edizione storica perché la notte del 19 agosto molti giovani sentirono risuonare nel proprio cuore le parole di Giovanni Paolo II e risposero “sì”.

Anche per Antoniana Maria, che veniva da una famiglia cattolica di filippini emigrati in Canada, quella è stata la sera decisiva. “Non avevo mai sperimentato qualcosa di così forte nella mia vita. Mentre mi stavo preparando per la Gmg ho sentito che poteva essere il momento per me. Così sono arrivata a Roma e mentre pregavo in una piccola cappella… non lo dimenticherò mai: ho fissato il mio sguardo nel tabernacolo e il mio cuore è stato invaso da una immensa gratitudine, da una pace, una gioia. Mi sono sentita chiamata ad amare Dio con tutto il mio cuore. E ho detto: sì”. Quel primo sì, quella decisione che Antoniana Maria serbava nel suo cuore, ha dovuto superare subito la prova di una grave malattia, proprio mentre questa giovane donna era a Roma: “È stata una esperienza straordinaria: mi sono sentita così debole e al tempo stesso mai così vicina a Dio. Mentre ero su quel letto dell’ospedale ho ridonato la mia vita a Dio”.

Tags:
gmg cracovia 2016
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni