Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Stile di vita

10 consigli per vere coppie intrepide che cercano la felicità

Mauricio Graiki/Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 25/07/16

Dal rispetto della diversità ad evitare di voler cambiare l'altro. Così l'amore eterno non è più una chimera

Sei innamorato ma infelice? Pensi che la tua coppia abbia bisogno di una iniezione di energia? Trovare l’equilibrio e la felicità col proprio partner è un percorso ricco di ostacoli.

Il prof. Robert Cheaib, teologo, docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma e la Pontificia Università Gregoriana, in “Il gioco dell’Amore” (Tau editrice) presenta dieci passi per fare in modo che una coppia si incammini verso la felicità. Dieci consigli pratici e utili che renderanno più sereno il vostro futuro.

«Questo libro – premette Cheaib – vorrebbe andare oltre il falso mito che la coppia felice sia un’impresa facile. Felice e facile non sempre vanno insieme. Come d’altronde felice e difficile non sono antonimi, neppure nel dizionario. La coppia è un cammino, e quando si cammina si è meno in equilibrio di quanto lo si sarebbe da fermi o da seduti. Ma le scoperte, gli incontri e le esperienze che si fanno mentre si cammina valgono tutto il rischio del mettersi in marcia. Se mettersi in cammino è rischioso, stare immobili è mortale, è già morte».

E allora ecco i dieci passi per volare verso una possibile felicità!

1) STAR BENE ANCHE IN SOLITUDINE

L’incapacità di saper stare da soli spinge le persone a rifugiarsi nell’amore come antidepressivo, come droga, come sedativo e a costituire delle coppie fatte di individui che si rifugiano nell’amore dalle loro identità incerte. L’arte di saper stare bene da soli, invece, apre a un grande privilegio: quello di poter scegliere con chi stare. La solitudine feconda e ricca ci ridona a noi stessi e ci permette di condividere con l’altro non solo cose, non solo esperienze, non solo liste della spesa, ma noi stessi, la nostra stessa ricca vita. È bene sposare la propria solitudine prima di sposarsi.

2) RISPETTARE (E PERDONARE) LA DIVERSITA’

Un detto anglosassone afferma che non bisogna giudicare una persona prima di aver percorso un miglio con le sue scarpe. Per fare un miglio con le scarpe di qualcun altro, devo levarmi le mie prima di tutto, facendo lo sforzo del distacco difficile dalla mia soggettività. Solo chi osa l’avventura dell’alterità vive un impegnativo ma felice incontro. Mettersi in coppia senza l’intento di mettersi nei panni dell’altro è preannuncio di sventura assicurata.

Se non sono pronto all’avventura dell’alterità, mi trovo nella condizione narcisistica di attraversare l’altro alla ricerca di me stesso. Mi illudo di vedere l’altro e di stravedere per lui ma, in realtà, vi imprimo la mia immagine sotto le mentite spoglie del nome e del volto dell’altro. La prima cosa che dobbiamo riconoscere nell’altro è la sua diversità. La prima cosa che dobbiamo perdonare all’altro è la sua alterità.

3) I RISCHI DELLA FAMILIARITA’

La coppia è un nido, un rifugio, uno spazio prezioso. Chiese un discepolo al suo maestro: «Qual è il pericolo più grande per la vita comune?». La risposta decisa e lapidaria fu: «La familiarità!». Familiarità è quando sei così abituato a una realtà che non te ne rendi più conto. Ci passi accanto o, peggio, ci passi sopra, senza battere ciglio. Familiarità è dare l’altro per scontato, dimenticando che le relazioni non possono vivere di sconti. Lo scontato nei rapporti genera scontentezza. Familiarità è anche credere di avere il diritto, anzi il sacro dovere, di dire tutto quello che “sentiamo” o che ci ronza per la testa.

Essere se stessi non equivale ad abbandonarsi alle proprie emozioni che vanno e vengono. Essere se stessi è anche essere in controllo dei propri sentimenti e dei propri sbalzi d’umore. Essere se stessi è dominare i propri istinti e mettere un freno alla propria lingua.

4) ESSERE ESIGENTI

Non si può amare al condizionale: «ti amo se», «ti amo però». Quando si ama qualcuno, lo si ama per se stesso. Tenendo a mente il principio di reciprocità nell’esigenza.Esigere è spronare, non spremere. È contribuire delicatamente alla fioritura della libertà con il calore di un amore incondizionato. L’amore ha esigenze di «eternità». Ma non solo.

Anche esigenze di responsabilità. Essere responsabile di qualcuno è poter rispondere dei propri gesti nei suoi confronti e custodire sempre lo spazio della sua risposta. Responsabilità implica premura. La premura garantisce l’accoglienza e la cura per l’esistenza dell’altro. È una dimensione “materna” che contraddistingue l’amore che non può essere al condizionale.

5) NON FARE GLI “PSICOLOGI”

Tante persone sono deluse dall’altro, non perché sia cattivo, ma semplicemente perché non le completa. Speravano, mettendosi con quella persona, di non sentire più noia o solitudine e di non dover più parlare perché l’altro le avrebbe capito al volo… invece si trovano con una maledetta alterità, a cui bisogna spiegare tutto e ripetutamente.

Nessuno, ma proprio nessuno, può diventare una presenza totale e totalizzante nella nostra vita. Non idealizzare. La persona che incontrerai, o con cui stai già, non è Dio, ma al massimo un dono di Dio. Non è un salvatore, né un salvagente, ma una persona come te che richiede salvezza. A proposito di “salvatori”, uno dei grandi sbagli – specie delle persone con il carattere da crocerossina, da madre Teresa o con la sindrome da Gesù Cristo – è mettersi con una persona per salvarla, per aggiustarla. Non si può vivere con sanità una relazione a due livelli e con ruoli doppi: non puoi fare il fidanzato e lo psicologo della tua fidanzata.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=mH8WheLxBKA%5D

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
amorecoppiarecensioni di libri
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni