Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Gli 8 pensieri cattivi

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 24/07/16

Gli otto pensieri cattivi, in Oriente, corrispondono ai nostri sette vizi capitali. Ci ricordano che il peccato si insinua nel cuore attraverso un pensiero. A questo proposito, la tradizione spirituale distingue cinque gradi di tentazione: la suggestione, il colloquio, il combattimento, il consenso e la passione.
Immaginiamo di vedere per terra un portafoglio. Nel primo grado – suggestione – mi accorgo che è pieno di denaro: chissà quante cose potrei farci, quanti desideri soddisfare.
Il secondo grado è il colloquio. Non fuggo dalla tentazione, comincio a dialogarci: forse è meglio che lo prenda io che non qualcuno afflitto da una dipendenza: risparmierei a un derelitto un’overdose o una perdita al gioco.
Giunto al terzo grado – combattimento -, penso che dovrei portarlo subito in questura, affidarlo ai tutori dell’ordine. Ma loro che cosa ne faranno? Forse arriveranno a litigare, nel tentativo di appropriarsene e utilizzarlo per scopi personali. Dunque: lo prendo o non lo prendo? Qui la tensione è al massimo: sentimenti in conflitto si scontrano con rimorsi e desideri che agitano il cuore.
Il quarto grado è il consenso. Ho deciso, lo prendo. Dal punto di vista della fede, il peccato arriva solo adesso. Anche se qualcuno più furbo mi soffia il portafoglio senza tanti complimenti, ho peccato comunque di pensiero.
La passione è l’ultima tappa di questo fallimento. Se mi abituo a cedere alla tentazione, non ci saranno freni alle future trasgressioni: sarò schiavo della mia debolezza.
Gli otto pensieri cattivi, per i Padri dell’Oriente, sono la gola, la lussuria, l’avarizia, l’ira, la tristezza, l’accidia, la vanagloria e la superbia. Sappiamo, ormai, che non è così facile rimanerne vittime: bisogna attraversare varie fasi per cadere nella trappola. Di qui la saggezza del proverbio: prima di seguire un impulso, conta fino a dieci. Meglio fino a cento.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
peccatipeccatovizio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni