Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
vaticano notizie

Una cappella in Antartide per l’Uruguay?

Vatican Insider - pubblicato il 21/07/16

Come una letterina lasciata nel camino per Babbo Natale, quella del cardinale di Montevideo Daniel Sturla che manifesta il desiderio che anche l’Uruguay, come altre nazioni dell’America Latina e del mondo, abbia una sua cappella cattolica in Antartide. L’esistenza della lettera è stata rivelata dal settimanale Busqueda e sarebbe stata scritta nel mese di settembre del 2015 al generale Claudio Romano che allora presiedeva il Consiglio direttivo dell’Istituto antartico dell’Uruguay.  

La lettera del cardinale, insignito a settembre di quello stesso anno con questo titolo da Papa Francesco, inizia facendo riferimento ad una non meglio precisata “richiesta che mi è giunta da parte di alcune persone legate alla Base Artigas dell’Antartide uruguayana”. La nominata base è una piccola stazione di ricerca scientifica fondata nel 1985 nel continente bianco. Proprio qui l’arcivescovo di Montevideo vorrebbe venisse eretta “una cappella destinata alla preghiera e alla riflessione personale”. La base è attiva tutto l’anno con una dotazione di 8 persone in inverno e 70 in estate. “Pensiamo che per i nostri compatrioti che passano lì una stagione” scrive l’arcivescovo di Montevideo “la presenza di una cappella e di un luogo adeguato all’immagine della nostra Patrona può solo essere di beneficio”.  

Nella Base Artigas opera una stazione meteorologica che forma parte della rete mondiale. Da anni nella Base c’è una immagine della Virgen de los Treinta y Tres, Patrona dell’Uruguay. “Questa avocazione della Madre di Gesù è legata alla nostra storia patria” osserva monsignor Sturla. “Ai piedi dell’immagine originale è stata proclamata l’indipendenza nazionale. Molti patrioti la venerano e il Generale Don Manuel Oribe, come voto dopo un naufragio, le ha posto sul capo la corona d’oro con cui è onorata. Anche altre nazioni presenti in Antartide hanno delle loro cappelle”.  

Ma le corde patriottiche, come quelle religiose e di prestigio nazionale, non sembrano aver mobilitato le autorità uruguayane preposte all’Antartide se a poco meno di un anno da quando la richiesta è stata formulata la stessa non ha ancora ricevuto risposta. 

Il settimanale Busqueda ha consultato nell’ordine il viceministro alla Difesa, Jorge Menéndez, che ha dichiarato di non essere a conoscenza della petizione del capo della Chiesa dell’Uruguay. “Può darsi che lo stesso Istituto Antartico abbia considerato che non era pertinente inoltrarla” ha commentato evasivamente. 

Anche il primo ricevente della lettera, il generale Romano, non ricorda con esattezza cosa sia successo con la richiesta. L’Istituto antartico riceve molti progetti e diversi di loro “non è che vengano scartati”, si è giustificato, ma non gli si dà attenzione se chi li presenta “non insiste nel mostrarsi interessato”. Laconico anche il capo dell’Armata, contrammiraglio Leonardo Alonso, che ha dichiarato che sebbene non si opponga all’idea, non vede la necessità di un altra cappella quando nelle vicinanze ce n’è già una cattolica appartenente al Cile e un’altra ortodossa appartenente alla Russia. 

Una cappella inoltre – commentano tra le righe gli interpellati- significa un sacerdote, e un sacerdote non sarebbe di grande utilità al di fuori dell’esercizio del suo ministero. “Due paia di mani in più che prestano aiuto nei compiti quotidiani sono benvenute ma se il sacerdote che arrivasse fosse una persona che non fa nulla sarebbe una preoccupazione in più, un mal di testa per i pochi che sono li”. 

Nella vicina base russa – fa notare Busqueda – ci sono due preti ortodossi; uno falegname, l’altro idraulico. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni