Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 consigli per dominare la paura e l’ansia

Condividi

Il numero 1 è il più efficace, il numero 3 risolve il problema

Dale Carnegie è uno dei più noti autori nel campo dell’autoaiuto, soprattutto grazie al suo best-seller Come trattare gli altri e farseli amici, pubblicato nel 1936.

Il suo libro Come vincere lo stress e cominciare a vivere, del 1948, presenta delle tattiche per liberarsi dall’ansia scomoda che fa diminuire la felicità e la produttività.

Il testo nasce dalle esperienze di Carnegie nella sua cattedra all’YMCA di New York. L’autore si è reso conto che la preoccupazione era un tema comune tra gli allievi, indipendentemente dalla professione o dal contesto, e ha deciso di scrivere un libro che li ispirasse ad agire contro i loro demoni psichici.

Nei sette anni di stesura del libro, Carnegie ha studiato la filosofia antica e ha parlato con una serie di uomini d’affari delle loro strategie per superare le preoccupazioni.

La cosa più importante, tuttavia, è che ha svolto un esperimento dando consigli sul tema ai suoi allievi e osservando cosa funzionava.

La pagina Motto, del Time, ha selezionato le cinque migliori strategie descritte nel libro per ridurre l’ansia della vita quotidiana.

1. Chiedetevi: “Qual è la cosa peggiore che può succedere?”

C’è una tecnica semplice di tre passi che ci può aiutare quando siamo circondati da preoccupazioni personali o professionali. In primo luogo bisogna chiedersi quale sia la cosa peggiore che possa accadere. In secondo luogo ci si deve preparare ad accettare il peggio, in terzo luogo si deve pensare a tirar fuori qualcosa di buono dal peggio, nel caso in cui si verifichi.

La tecnica si basa su un aneddoto di Willis Carrier, fondatore dell’omonima industria di aria condizionata.

Quando da giovane lavorava per la Buffalo Forge Company, si rese conto che un nuovo sistema di pulizia del gas offerto dalla sua compagnia non era efficiente quanto ci si aspettava.

Capì che la cosa peggiore che poteva succedere era che l’impresa perdesse 20.000 dollari, e allora ha pensato che la compagnia avrebbe potuto considerare quella perdita un costo di ricerca di nuove strategie.

Carrier pensò poi a come migliorare la situazione: se la compagnia avesse comprato nuove attrezzature per un valore di 5.000 dollari, il problema sarebbe stato risolto. È quello che ha fatto, finendo per guadagnarne 15.000.

2. Guardate tutto in modo obiettivo

“Se un uomo si dedica a guardare i fatti in modo imparziale e oggettivo, le sue preoccupazioni svaniranno normalmente alla luce della conoscenza”, ha detto a Carnegie il decano del Columbia College, Herbert E. Hawkes.

Carnegie parla di due modi di guardare in modo obiettivo: si può fingere di analizzare la situazione per un’altra persona, per essere meno emotivi nei confronti della questione, o si può immaginare di essere un avvocato che si prepara a difendere l’altro aspetto della questione, contro di noi. Scrivete i fatti relativi a entrambi gli aspetti del caso e di norma avrete un’immagine più chiara della realtà.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni