Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconStile di vita
line break icon

12 storie di ordinaria santità

Pixabay.com/Public Domain/ © Pezibear

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 21/07/16


MARIA CRISTINA CELLA MOCELLIN E L’AMORE MISERICORDIOSO DI DIO
“(…)ventisei anni vissuti con l’acceleratore sempre premuto, ricchi di esperienze umane e spirituali che renderebbero densissima anche una vita molto più lunga. Un’esistenza in cui l’intersecarsi di una normalità quasi scontata e di un esito umanamente inspiegabile portano ad interrogarsi, fino a scoprire nell’intima assiduità con Dio le ragioni che rendono non solo coerenti, ma consequenziali e stringenti, le scelte di Maria Cristina. Perché anche la sua scelta estrema, davanti alla quale la ragione umana si interroga e forse anche si ribella, smette di essere un eroismo inarrivabile, e diventa a sua volta «normalità» se la si inserisce in una vita vissuta a braccetto con Dio. (…)Un Dio che sembra chiederle la donazione totale di sé nella consacrazione religiosa. (…)Un Dio che le scombina le carte in tavola, facendole incontrare poco dopo un ragazzo veneto, Carlo(…)”. “(…)Nel quotidiano di una giovanissima coppia di fidanzati irrompe tuttavia un primo grande mistero: durante l’ultimo anno della scuola superiore, a Cristina viene diagnosticato un tumore. L’esperienza della malattia, vissuta con coraggio e con amore dalla ragazza, serve anche a cementare l’unione con Carlo (…)Operazioni, cure e terapie salvano Cristina (…) E giunge anche l’attesissimo momento delle nozze (…)Nell’arco di poco più di tre anni nascono, a ranghi serrati, Francesco, Lucia, e Riccardo. Ed è in quest’ultima gravidanza che Cristina si trova davanti al mistero più grande. Si riaffaccia la malattia, quell’osteosarcoma che sembrava debellato con successo. Cristina non ha dubbi: (…)Riccardo ha un diritto ancora più grande: quello di vivere. Così Cristina accetta tutte le cure che non danneggeranno il piccolo in arrivo, ma rimanda le altre a dopo la nascita. Purtroppo, per sconfiggere la malattia è troppo tardi. Ma non per essere mamma e moglie al cento per cento, e per sempre”.

Queste le parole del marito che attraverso la malattia e la morte della propria sposa ha incontrato Cristo e ha fatto esperienza della sua infinita misericordia:

“(…)«Quando è arrivato il momento di lasciarci, in ospedale, non è stata presa dalla disperazione. Le sofferenze umane erano terribili. Ma non ha mai perso il sorriso e la serenità. (…)aveva gli occhi puntati sul crocifisso che le avevo messo davanti. Lei sapeva, sentiva nel suo cuore, aveva talmente desiderato Gesù da capire che in quel momento lo stava raggiungendo totalmente. Che si è spenta senza respiro ma con il sorriso sulle labbra. Io credo che in quel momento la Madonna sia venuta a prendersela»”.

CONOSCERE IL VERO VOLTO DI DIO ATTRAVERSO UNA FIGLIA… “BENEDETTA”

“(…)il giorno della nascita di Sara Benedetta, la figlia numero cinque, è diverso, spiazzante, anche per un papà che ormai si può definire un habitué delle sale parto. Marco racconta quei momenti: « (…) mentre la pediatra mi diceva che la mia piccola Sara ha la sindrome di Down, è stato come se alle sue parole si sovrapponessero nel mio cuore quelle di Qualcuno che mi diceva: “Caro Marco, qui c’è un grande regalo per voi”». E alla «voce» di Dio, Marco risponde subito: «Beh, Signore, se ci doni una bambina così vuol dire che, almeno un po’, di noi ti fidi». Il racconto di Marco si fa quasi confessione: «Lì, mentre abbracciavo Sara per la prima volta, sono stato io a sentirmi abbracciato come non mai». (…)«Il rischio», ammette Marco, «è annegare nelle ansie per il futuro; e intanto non cogliere ed assaporare quello che l’esperienza concreta ti sta dicendo. (…)Sara ha bisogno delle cure della terapia intensiva, per una malformazione cardiaca congenita; viene intubata, e dovrà essere operata (…)”. “«Il vero dramma», dice Marco, «non è accogliere un figlio Down, ma vivere la malattia di un figlio» (…) L’intervento va bene, ma insorgono complicazioni per cui Sara deve rimanere in terapia intensiva. (…)«Io, in questo reparto, ho capito che dopo anni di preghiera, studio, meditazione biblica e dotte letture, del Dio di Gesù Cristo non ho proprio capito nulla. (…)Il problema non è che si sente Dio lontano o peggio assente: Dio c’è, eccome! Lo si sente ben presente… Il problema è che sperimenti sulla tua pelle cosa significa che le sue vie non sono le nostre. (…)E mentre Sara, guarendo, si avviava a diventare, come dice il papà, «profeta di un sorriso che non sa spegnersi», Marco abbandona il dio astratto delle aride speculazioni e scopre il Dio vivente, «quello raccontato dalla Scrittura, il Dio di Gesù che mai mi aveva lasciato… Il Dio che proprio quando senti imminente il naufragio fisico, emotivo, spirituale, ecco che ti dona una forza nuova, e sai che non è forza tua»”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
malattiamisericordiamisericordiae vultuspapa francescosantitasindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni