Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconvaticano notizie
line break icon

In un video padre Tom, il salesiano rapito nello Yemen

Vatican Insider - pubblicato il 20/07/16

A più di quattro mesi dal suo rapimento sono comparse sul web alcune immagini che ritrarrebbero padre Tom Uzhunnalil, il salesiano indiano rapito dall’Isis ad Aden nell’assalto alla casa delle Missionarie della Carità. Come si ricorderà in quell’occasione vennero uccise sedici persone tra cui quattro suore di Madre Teresa che – nonostante la guerra che insanguina il Paese – avevano scelto di rimanere accanto agli anziani e agli ammalati che accudivano. 

Con loro c’era anche padre Tom, missionario originario del Kerala, che – come riferito da alcuni testimoni – era stato portato via dal commando jihadista. Sulla sua sorte in questi mesi sono corse ogni genere di voci; c’era stato anche chi l’aveva dato per ucciso, ma sia il vicariato apostolico dell’Arabia Meridionale sia i salesiani avevano sempre smentito con fermezza. Ora invece sono comparse delle immagini e un video che lo ritrarrebbero in prigionia. Padre Tom appare molto provato, con la barba, quasi irriconoscibile, anche se i parenti in India assicurano che l’uomo nelle immagini sarebbe proprio lui. Nel video appare bendato mentre viene picchiato dai suoi sequestratori. 

Il video è apparso sul profilo Facebook di padre Tom che si suppone sia stato hackerato. Secondo quanto riferisce chi lo ha postato il religioso si troverebbe ancora nello Yemen, anche se non è possibile stabilire a quando risalgano le immagini. 

Dopo la diffusione del video in Kerala è rimontata la polemica contro il governo di New Delhi: alcuni amici del salesiano rapito accusano infatti l’esecutivo guidato da Narendra Modi di scarso impegno per la liberazione. La ministro degli esteri Susma Shwarai ha replicato dicendo che il rapimento di padre Uzhunnalil “è motivo di grande preoccupazione” e che non solo lei ma lo stesso premier Modi hanno sollevato la questione durante alcuni incontri con le autorità di altri Paesi che, essendo ancora presenti nello Yemen, possono aiutare ad arrivare alla liberazione. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni