Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconChiesa
line break icon

La storia di Davide ci spiega molte cose sul pensiero di Dio

Toscana Oggi - pubblicato il 18/07/16

Sono rimasta molto impressionata ascoltando, a un incontro, la storia del Re Davide: secondo la Bibbia, ha mandato a morire l’amico Uria per sposare la moglie di lui, Betsabea. Un peccato gravissimo! Eppure Davide è venerato anche come santo dalla Chiesa Cattolica, e dalla sua discendenza è nato Gesù: evidentemente la misericordia e il perdono di Dio possono giungere a vette inimmaginabili.

Carolina Bastiani

Risponde don Gianni Cioli, docente di Teologia morale alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale. 

Più che una domanda quella della nostra lettrice è una constatazione con la quale non si può non convenire: «la misericordia e il perdono di Dio possono giungere a vette inimmaginabili».

Davide è una delle figure bibliche che meglio mettono in evidenza l’elezione di Dio e il suo amore gratuito e misericordioso: da sconosciuto pastore Dio lo sceglie per farne il re del suo popolo (cf. 1Sam 6,1-13) e gli promette che dalla sua discendenza sarebbe sorto il Messia (cf. 2Sam 7,16).

La santità di Davide si fonda sulla elezione divina e sulla sua risposta di fede a questa elezione.

Il peccato di Davide certo è stato grande e orribile, ma ancora più grande è stata la sua fede che l’ho reso capace di riconoscere la misericordia infinita del Signore e di affidarsi a lui, divenendo così, come Abramo, «saldo nella speranza contro ogni speranza» (Rm 4,18). Smisurato poi, al punto di apparire esagerato, è stato l’amore per il Signore dimostro da Davide in numerose circostanze: un amore qualificato in particolare dall’umiltà e dall’umiliazione (cf 2Sam 6,16-22).

Fede, speranza, amore, umiltà e capacità di accettare l’umiliazione hanno condotto Davide a riconoscere e accogliere la grazia del Signore che lo ha reso, nonostante il suo peccato, santo, profeta e figura del futuro Messia.

Mi pare opportuno riportare, a questo proposito, la bella omelia pronunciata da papa Francesco nella cappella di Santa Marta il 1° febbraio 2016, proprio in riferimento alla singolare santità di Davide a commento del testo di 2Sam 15,13-14.30; 16,5-13, e sintetizzata secondo la consuetudine da L’Osservatore romano (1/2 febbraio 2016): «Nella prima lettura si continua con la storia del re Davide, il santo re Davide», ha notato subito il Papa (…). È una storia, ha spiegato, «incominciata quando Samuele andò a casa di suo padre e Davide viene unto re», pur essendo ancora un ragazzino. Poi «è cresciuto, ha avuto le sue difficoltà, ma sempre era stato un uomo rispettoso del re che non gli voleva bene». Il sovrano, infatti, «sapeva che lui sarebbe stato il suo successore». E «alla fine Davide riuscì a unificare il regno d’Israele: tutti insieme a lui». Però «si sentì sicuro e incominciò a indebolirsi lo zelo per la casa del Signore».

Proprio «in quel momento (…) Davide è a un passo dall’entrare nella corruzione», ha continuato Francesco. Così «il santo re Davide, peccatore ma santo, diviene corrotto». Ma ecco che «il profeta Nathan, inviato da Dio», gli fa «capire che cosa brutta aveva fatto, cosa cattiva: perché un corrotto non se ne rende conto. Ci vuole una grazia speciale per cambiare il cuore di un corrotto». Così «Davide, che aveva ancora il cuore nobile», riconosce di aver peccato, «riconosce la sua colpa». E cosa dice Nathan?

  • 1
  • 2
Tags:
bibbiadio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni