Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconSpiritualità
line break icon

Riconoscersi umanamente “malati” per essere guariti

Pixabay.com/Public Domain/ © towbar

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 14/07/16

I «(…)discepoli di Emmaus sono reduci dalla devastazione di una delusione, di un’esperienza di dolore. Sono dei sopravvissuti che pensano di aver solo perso. Ma non sanno che ciò che hanno perduto è solo quella sovrastruttura che non permetteva loro di incontrare davvero ciò che poteva cambiare loro la vita. È lo schema che avevano distrutto e solo così l’Imprevisto ora può farsi spazio».

È PEGGIO LA DUREZZA DEL CUORE CHE LA MANCANZA DI FEDE!

“Ciò che conta normalmente non è mai evidente. In una casa le fondamenta non sono visibili, eppure senza di esse noi non potremmo avere nemmeno una casa. (…)Ciò che conta nella vita non lo si vede con gli occhi, ma c’è in una parte di noi, nascosta al fondo di noi stessi, che è capace di accorgersi di esso: è il cuore. Il cuore è per noi il senso numero zero. Quello che fa da fondamento a tutto. (…)Pur nell’oscurità più fitta, la sete stessa fa da bussola. Il cuore è la nostra sete di felicità, la nostra sete di verità, la nostra sete di senso. (…)Il cuore è questa fedeltà alla Verità, alla Felicità, alla Bellezza, all’Amore, seppellita dentro di noi. Si può non avere fede, ma il cuore ce l’abbiamo tutti. È a quella parte invisibile di noi che Cristo si rivolge travestito da straniero. Gli occhi vedono uno straniero, ma «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?» diranno alla fine del racconto i due amici di Emmaus. Il cuore che arde è segno che Cristo ci sta passando accanto, e anche se non si ha la fede per riconoscerlo, il cuore si infuoca comunque, tornando a riscaldare e a illuminare la tua vita. Per questo non sono mai preoccupato quando qualcuno mi dice di non avere fede. Mi fa più paura quando qualcuno mi dice di non avere più cuore. Mi fa più paura la sklerokardia (la durezza di cuore). Tutta la storia della salvezza è un tornare ad avere un cuore che funziona: «Vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne» (Ez 36,26)”.

L’autore ci invita a guardare in modo diverso alla nostra umanità, rievocando il testo evangelico in cui Gesù afferma di essere venuto per i malati e non per i sani. Attraverso l’ammissione della nostra umana debolezza il Salvatore può guarirci e riconciliarci con noi stessi e con gli altri. Solo chi riconosce di essere “malato” può essere curato e sanato, mentre chi – come i farisei – crede di essere sempre giusto e perfetto, non otterrà la grazia della vera guarigione.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

solo-malati-guariscono(1)
  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
debolezzafedegesù cristoguarigioneincredulitàmalattiaumanita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni