Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Nel ristorante di Jon Bon Jovi nessuno resta senza cibo

Jim Forest-CC
Condividi

Una cucina con l’anima

https://www.facebook.com/PlayGroundMag/videos/1177222495650958/

 

Jon Bon Jovi non è noto solo per successi musicali come Livin’ on a Prayer, You give love a bad name, Bad medicine o Always, ma anche per il suo impegno sociale.

Il famoso cantante rock ha aperto già due ristoranti “solidali” per aiutare chi non può pagare a non restare senza l’essenziale, il cibo per sopravvivere.

Al Soul Kitchen, il nome del ristorante, ciascuno paga come può quello che consuma: dallo svolgere lavoro volontario al lavare i piatti, fino al pagare perché un altro mangi.

Il 56% dei pasti offerti dal locale è già stato pagato con lavoro volontario.

Bon Jovi non considera il suo locale una mensa di beneficenza, ma un ristorante in cui ciascuno paga come può, diventando così un locale al servizio della comunità, in cui tutti apportano qualcosa e nessuno perde.

 

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Lezione dai bambini: come spenderesti un dollaro?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni