Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Sorelle, suore, aspiranti, postulanti, novizie… cosa significa?

AFP PHOTO / MARTIN BERNETTI
Condividi

Un utile glossario collegato alle religiose cattoliche

I primi voti hanno luogo quando una novizia ha completato il noviziato richiesto e ha chiesto l’ammissione formale ai voti, e la leadership e i membri della comunità con i voti definitivi hanno deciso che è chiamata al loro ordine o associazione. La novizia professa i voti “semplici”, che sono canonicamente vincolanti per un periodo di tempo specifico – in genere dai tre ai cinque anni, a volte di più. Ora è considerata un membro “professo temporaneo” della comunità, e può lavorare in un apostolato e firmare usando l’abbreviazione della comunità (ad esempio suor Theresa, fsp; suor Mary Anna, RSM).

La professione temporanea è ancora un periodo di discernimento, e una religiosa può chiedere la separazione, ma visto che i voti sono canonici serve un processo più formale.

I voti finali (o “perpetui”), nel monachesimo “professione solenne”, si verificano quando la religiosa prende i voti per la vita come membro di quella comunità. Firma la formula sull’altare e la mostra a tutti i presenti, e i suoi voti vengono inviati in Vaticano. Ora è “pienamente professa”, e in un certo senso una “professionista” di quella vita. Come per qualsiasi professione, la formazione è continua e dura tutta la vita.

____

Elizabeth Scalia è responsabile dell’edizione inglese di Aleteia

 

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Perché le suore indossano il velo?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni