Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
vaticano notizie

L’appello dal Sud Sudan: fare presto, qui si muore

Vatican Insider - pubblicato il 13/07/16

La guerra «nascosta» alla maggior parte del mondo occidentale è scoppiata in maniera fragorosa. Il Sud Sudan è ripiombato così nello sconforto e nella desolazione di uno scontro interno che lascia morti sul campo e profughi lungo le strade. Non tengono i presunti accordi tra le parti in causa: da una parte il presidente Salva Kiir con l’etnia maggioritaria Dinka, dall’altra il suo vice Riek Machar con quella minoritaria Nuer. Dopo il mini-genocidio di Wau di due settimane fa, lo scorso venerdì, in una sola notte, sono stati registrati duecento morti, mentre il sabato e la domenica nel buio della capitale Juba si sentivano gli scoppi di cannone e delle mitraglie e non il suono delle campane. La paura ha portato più gente nelle chiese a pregare per la pace. I Salesiani hanno messo a disposizione le aule della scuola e, a seconda degli arrivi, anche la chiesa. Con l’aiuto della Provvidenza, assicurano, c’è spazio (fino a quando?) anche per un pasto al giorno. Lì si presentano stremati dopo nove ore di cammino per coprire, senza cibo e acqua, molti chilometri. Nessuno è escluso. Genitori che perdono i figli durante la fuga, bambini e anziani che camminano sperando di vedere una nuova alba di speranza: se i più piccoli hanno fin qui vissuto una situazione di continuo allarme, nonostante l’indipendenza del 2011, la popolazione più matura si auspica di terminare la propria corsa in un tempo di pace. La comunità adulta cristiana si affida a «Dio, che è grande»; i bambini, nella loro semplicità, chiedono caramelle. Lo scontro fratricida sta, però, facendo emergere i lati più oscuri dell’umanità. Un ex detenuto ha raccontato ai Salesiani di essere stato costretto, pena la fucilazione, a mangiare la carne di un altro prigioniero. In questo scenario lo sconforto è tanto anche da parte della Chiesa che ha condannato senza appello la condotta dei leader politici, i veri responsabili di questo grande ed ennesimo sterminio. «Stiamo vivendo – racconta il missionario salesiano Jim Comino – ore di angoscia. Ogni giorno sentiamo vicina la morte, ma siamo contenti di riuscire a salvare almeno la vita di un bambino. Sabato 9 luglio pensavamo a un’evoluzione rapida del conflitto, non a caso molte agenzie di volontariato hanno deciso di lasciare subito il Paese. Nel pomeriggio di domenica sono incominciate delle sparatorie sporadiche; improvvisamente centinaia di persone, in maggioranza mamme con i bambini, hanno bussato alla nostra porta: in testa avevano solo un grosso fagotto con l’indispensabile. Li abbiamo sistemati nelle scuole che in poco tempo si sono dimostrate inadatte ad accogliere tutti, perché abbiamo visto passare 1500 persone, affamate e sfinite dopo 18 km di cammino».  

Lunedì 11 luglio l’aeroporto ha smesso di funzionare e le strade sono state bloccate. Sparatorie di ogni tipo dalle 17 alle 22: cannonate, raffiche di mitragliatrici e pallottole che si innalzavano nel cielo come fuochi artificiali. I proiettili hanno colpito anche i luoghi salesiani. È stato in quelle ore che la recita corale del rosario è diventata l’antidoto alla paura: «Ci siamo detti che don Bosco in quel frangente avrebbe recitato il rosario e così abbiamo fatto. Al termine del quarto rosario, le sparatorie sono diminuite. Forse avevano finito le munizioni? Un miracolo? Non lo so ma in questi 23 anni di esperienza in Sud Sudan non è la prima volta che la Madonna si rende presente e tangibile».  

Alla data del 12 luglio i Salesiani danno un riparo a più di 5mila persone che cercano, nella difficoltà, di aiutarsi a vicenda. «Una donna – spiega Comino – è riuscita a scappare con la sua famiglia, ma nella fuga il fratello è stato ucciso dai ribelli davanti alla moglie e ai cinque figli. Il suo obiettivo adesso è di tornare indietro per recuperare la cognata e i nipoti». Non sappiamo cosa ci riserveranno questi giorni, di certo non vorremmo rivedere i fuochi artificiali. La popolazione è stanca. Abbiamo bisogno di parole forti e di un aiuto concreto da parte della comunità internazionale. C’è una crisi umanitaria già in atto destinata a peggiorare. Non so più in che mondo viviamo». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni