Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 canzoni pop con temi spirituali

Condividi

Nonostante siano passati decenni, questi brani non tramontano mai (e neanche i loro testi)

“E musica… perfetta, come mai musica era stata. Sposta una sola nota e si immiserisce tutto. Cambia una sola frase e la struttura crolla” – Antonio Salieri descrivendo la musica di Mozart nel film Amadeus.

Cos’è che fa sembrare alcune musiche così perfette e complete che non si possa immaginare di aggiungervi una nota o di dimezzare una battuta senza distruggere l’alchimia? Da cantautore, so comporre un ritornello accattivante e sono in grado di terminare una frase incompiuta, ma ciò una musica è davvero grandiosa quando suona sempre bene; a prescindere da quanto spesso venga ascoltata, fa bene alle orecchie, al corpo e all’anima. Sono certo che possiate citare almeno un pezzo pop che per voi è “perfetto”. La mia prima scelta? Eccola qui:

Una canzone perfetta. Attira già dalle prime riff di piano, dalle ripetizioni della chitarra ritmica al pattern del basso, dalla sequenza di accordi alla voce eccezionale.

Ci sono diverse “canzoni perfette” che hanno anche una certa carica spirituale. In alcuni brani questa è palese, altre volte invece è meno ovvia. Ecco cinque delle mie preferite.

1) Sinnerman – Nina Simone

Sinnerman stuzzica l’orecchio dalle prime note, in cui un giro di piano è interrotto dal ritmo sincopato della batteria (che dopo alcune battute recupera il tempo tornando in sincronia con il piano). Con questo inizio Simone parla di un peccatore che cerca un rifugio durante il Giorno del Giudizio. La musica continua a sostenere ogni verso, fino al punto in cui Simone canta:

I ran to the devil, he was waiting all on that day. I cried ‘power’ – (Sono corso verso il diavolo, mi stava aspettando da tutto il giorno. Ho gridato ‘potere’)

Poi la canzone diventa un loop di acuti in cui viene ripetuta la parola “power”. Continua così per quasi un minuto, sottolineando la gravità di questa scelta. La “suprema sacerdotessa del soul” procede con dei virtuosismi al pianoforte che racchiudono tutte le emozioni che provocherebbe il Giorno del Giudizio. È impossibile smettere di ascoltare il pezzo fino all’ultima nota.

2) God’s Gonna Cut You Down – Johnny Cash

Questa è la canzone più apertamente religiosa della lista. Cash racconta una storia in cui Gesù lo chiama ad avvisare i peccatori che Lui li ridurrà in polvere. Il tutto accompagnato da battiti delle mani e dei piedi. Qualcosa di veramente sinistro, una marcia minacciosa che ribadisce l’inseguimento e la sua inevitabile conclusione. “You can run on for a long time but, sooner or later…” (puoi scappare per tanto tempo, ma prima o poi…). Cash riesce a divertirsi persino quando descrive qualcosa di così terribile che non può essere evitato.

3) River of Dreams – Billy Joel

Il ritmo ci trascina lentamente in una sorta di nebbia – quella fase tra la veglia e il sonno – e ci conduce verso una lotta inconscia per trovare la fede. La speranza di trovare ciò che sta cercando porta Joel, ogni notte, allo stesso fiume che lui sembra non riuscire ad attraversare. Proprio non riesce a trovare la fede. E man mano che descrive la situazione, assistiamo a un crescendo dell’arrangiamento. Si aggiungono sempre più strumenti, tra cui delle martellanti percussioni che evocano il suono di chi cammina in acqua provando a superare la resistenza delle correnti. Delle voci gli fanno eco: un botta e risposta che segue il ritmo afro-polinesiano.

I’ve been searching for something
Taken out of my soul
Something I’d never lose
Something somebody stole
I don’t know why I go walking at night
But now I’m tired and I don’t want to walk anymore
I hope it doesn’t take the rest of my life
Until I find what it is I’ve been looking for

La parte più bella della canzone è anche quella che sfugge alla maggior parte delle persone. Quando la canzone scema, Joel richiama un classico dei Cadillacs, cantando, “Gloria…” E qui c’è un suggerimento interessante su cosa spera Joel stesso.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.