Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

3 consigli su come assistere i malati in questo Giubileo della Misericordia

Condividi

di Genevieve Philipp

“Sareste in grado di donare il sangue questa settimana?”, mi ha chiesto una signora al telefono. “Ci stiamo preparando per qualsiasi potenziale incidente in vista del week-end del 4 luglio”.

Sono rimasta colpita dai preparativi, molto pratici, del centro di donazione del sangue. Ma la cosa che mi ha lasciato senza parole è che mentre tutti gli altri – me inclusa – erano pronti a incontrare amici, ai fuochi d’artificio e agli hot-dog, loro si stavano preparando nel caso in cui i piani fossero andati per il verso sbagliato. È stata una chiamata provvidenziale, perché stavo pensando di fare opere di misericordia corporale visitando gli ammalati. In passato mi sono presa cura dei malati intorno a me, ma di recente cosa ho fatto intenzionalmente per aiutare gli altri?

Donare il sangue è un buon modo per farlo. Mentre il mio sangue veniva prelevato, io e l’assistente abbiamo parlato dei nostri piani, dell’università, e alla fine siamo finiti a parlare dei nostri rispettivi parenti malati (o vittime) di cancro. Entrambe abbiamo aiutato le nostre famiglie senza esitazione ed eravamo d’accordo sul fatto che donare per una buona causa è molto più benefico che tenere i soldi per cose di poca importanza.

L’assistente prestava la sua azione di “visita agli ammalati” prelevando, su base regolare, sangue sano da destinare ai pazienti; e lei, oltre ad aiutare coloro in bisogno, era anche di grande compagnia per i donatori. La chiamata a visitare i malati ha a che fare con la guarigione attraverso la comunità; farlo in senso letterale è il modo più ovvio di prestare quest’opera di misericordia, ma possiamo sostenere la dignità di chi è in malattia anche in altri modi, meno prevedibili.

Ci sono più possibilità di quelle che pensi di praticare l’opera corporale di misericordia di visitare i malati. Ogni giorno qualcuno si ammala: un membro della tua famiglia, il tuo coinquilino, un tuo amico, il tuo vicino di casa, un estraneo della tua comunità, o te stesso. E ci sono persone affette da disabilità proprio vicino a te, che tu lo sappia o meno. In un certo senso tutti abbiamo qualche sorta di imperfezione, ma Papa Francesco ha detto nella sua omelia per il Giubileo dei malati e dei disabili del 12 giugno: “Il mondo non diventa migliore perché composto soltanto da persone apparentemente ‘perfette’, per non dire ‘truccate’ ma quando crescono la solidarietà tra gli esseri umani, l’accettazione reciproca e il rispetto”.

Durante il Giubileo, persone da tutto il mondo si sono riunite in Piazza S. Pietro con il sorriso sulle proprie labbra. È un luogo comune quello secondo il quale chi è malato o chi ha una qualche condizione fisica non possa essere felice. E papa Francesco ha fatto riferimento proprio a questo, nella sua omelia.  that the sick or physically challenged can’t be happy, which Pope Francis addresses in his homily. La chiama ‘illusione di chiudere gli occhi davanti alla malattia e alla disabilità”. Cosa bisognerebbe fare quindi? Nella prossima pagina tre consigli pratici.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni