Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconvaticano notizie
line break icon

Dalla Caritas Cracovia cliniche mobili per i profughi siriani in Libano

Vatican Insider - pubblicato il 09/07/16

Scappano dalla guerra, stretti nella morsa dell’Isis, del regime di Assad e dei ribelli. Fuggono inseguendo quello spirito di sopravvivenza che accomuna tutti gli uomini; sperano un giorno di fare ritorno nella loro terra, là dove hanno abbandonato i propri cari, ai quali avrebbero voluto dare una degna sepoltura, le case, i beni, la propria storia. Sono un milione e 300mila i profughi siriani in Libano, un Paese che prima di questa ondata contava 4,5 milioni di abitanti. Tra questi, donne, bambini e anziani… La maggior parte vive stipata in campi detti «champignons» perché sono cresciuti come i funghi, di notte e in ordine sparso, su terreni privati e «in cambio dell’ospitalità» si ritrovano a coltivare gratis i terreni dei proprietari. Sono abbandonati a se stessi in una nazione che è stremata con i servizi messi a dura prova. Restano lì in attesa, sospesi in un limbo che da una parte ha permesso loro di salvare la pelle dall’altra li costringe a vivere come «animali». Nel frattempo la Siria brucia sotto i colpi delle bombe sganciate e lanciate da mani diverse.  

In un video-messaggio pubblicato il 5 luglio a sostegno della campagna promossa da Caritas Internationalis, il Papa aveva ammonito i «Paesi fornitori di armi» che «sono anche fra quelli che parlano di pace. Come si può credere a chi con la mano destra ti accarezza e con la sinistra ti colpisce?». Di fronte a questa situazione, la Caritas di Cracovia ha pensato, in occasione della Gmg, di rispondere in maniera concreta ai continui e ripetuti appelli di Francesco alla pace. E così ha dato vita a un progetto con lo scopo di aiutare i profughi siriani. Come? Acquistando delle cliniche mobili (la prima sarà inviata proprio in Libano) per prestare l’assistenza necessaria ai profughi. Tra gli obiettivi collegati, ci sono anche il «Campus Misericordiae» e il magazzino «Chleb Milosierdzia (Pane della Misericordia)» nella località di Brzegi. La raccolta fondi è stata lanciata sul sito www.we4charity.com/it e ognuno potrà scegliere in cambio del sostegno quale «ricompensa» ottenere, tra queste l’avatar nel Campus Misericordiae virtuale. Per la prima volta nella storia i pellegrini possono, infatti, segnalare la loro presenza in questo Campus virtuale: «Misericordes» è un progetto di crowdfunding internazionale indirizzato, in otto lingue, ai pellegrini che potranno segnalare la loro presenza virtuale alla Gmg anche se non saranno fisicamente a Brzegi.  

«Abbiamo ricevuto – spiega padre Bogdan Kordula, direttore della Caritas di Cracovia – molte richieste di persone sulla possibilità di realizzare le parole del Papa. Per questo abbiamo deciso di creare il Campus virtuale per dare loro la possibilità di mostrare il proprio desiderio di essere alla Gmg e di rispondere alla Misericordia di Dio». Significativo il video #Misericordes dove tanti giovani volti (Stella per l’Italia, Clara per l’Argentina, Piotr per la Polonia, Marjan per l’Ucraina, Ada per il Brasile, Viktoria per la Germania, Barbara per gli Stati Uniti e Hughes per la Francia) si raccontano ed esprimono l’aspirazione a essere misericordiosi. Del resto il tema della Gmg («Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia») non ammette grandi interpretazioni. Nel suo messaggio, il Papa invita i giovani a riscoprire le opere di misericordia corporale: nella misericordia «c’è la verifica dell’autenticità del nostro essere discepoli di Gesù, della nostra credibilità in quanto cristiani nel mondo di oggi». 

GUARDA IL VIDEO PUBBLICATO DALLA CARITAS DI CRACOVIA PER PROMUOVERE L’INIZIATIVA

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni